Lavoro: positive le attese in agricoltura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: positive le attese in agricoltura

Ma in generale le intenzioni di assunzione restano stabili per il secondo trimestre consecutivo, evidenzia un'indagine Manpower
di Redazione

Disoccupazione in calo (restando tuttavia oltre l’11%) e aumentano gli occupati. Gli ultimi dati Istat sul mercato del lavoro hanno restituito un quadro in lieve miglioramento. Ma quali sono le previsioni di assunzioni delle aziende italiane? È un aspetto importante, come abbiamo sottolineato già in altre occasioni, per comprendere meglio le dinamiche occupazionali. E anche dal lato della domanda, nel primo trimestre dell’anno l’Istat ha osservato dei miglioramenti.

Tuttavia nel periodo luglio-settembre 2017 – ManpowerGroup ha condotto un’indagine che coinvolge mille datori di lavoro – le aziende mantengono aspettative di nuove assunzioni piuttosto stabili: il 5% prevede di incrementare l’organico, stessa quota coloro che invece si attendono un calo, mentre per l’85% non vi sarà alcuna variazione. Le intenzioni di assunzione, rileva Manpower, sono perciò stabili rispetto al trimestre precedente, ma peggiorano di due punti percentuali sullo scorso anno.
Molto dipende dalla dimensione delle aziende: quelle grandi (con 250 o più dipendenti) offrono maggiori opportunità, le aspettative rosee al contrario diminuiscono nelle micro (meno di dieci dipendenti). Nelle piccole (10-49 dipendenti) e medie (50-249 dipendenti) le previsioni sono incerte.
A livello di ripartizione geografica è il Nord-Ovest a trainare l’ottimismo, dove i datori di lavoro prevedono un leggero aumento degli organici. Nel Mezzogiorno le aspettative più deboli, con una previsione netta sull’occupazione negativa (-8%).
Per quanto riguarda infine i settori, un innalzamento dei livelli occupazionali sono attesi in agricoltura, caccia, silvicultura e pesca (dove la previsione, registra Manpower, è del +4%), nel settore di ristoranti e alberghi (+3%) e in quello finanziario (+2%).
Un certo pessimismo si osseva ancora nel settore delle costruzioni, tra i più colpiti dalla crisi economica, con ripercussioni negative in termini occupazionali. Un trend che sembra confermarsi nelle previsioni relative al trimestre di riferimento: -18%.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia