L’economia digitale nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia digitale nell’Ue

Il 66% degli utenti ha ordinato beni e servizi online e il 20% delle imprese impiega professionisti dell'ICT: i dati Eurostat
di Redazione

Quella digitale è da considerarsi ormai una parte importante dell’economia, dai servizi online all’e-Commerce, passando per l’intelligenza artificiale applicata ai processi produttivi. L’Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, ha cercato di quantificarne l’impatto in una recente pubblicazione su economia digitale e società nell’UE.

Considerando che la maggior parte della popolazione, in Europa, naviga online (soprattutto tramite dispositivi mobili), solo il 3% delle imprese non dispone di una connessione internet. Il vantaggio di essere online, osserva l’Eurostat, è reciproco: sono moltissime le persone che navigano soprattutto per la ricerca di beni e servizi.
Nell’Unione europea, infatti, il 66% degli utenti – il periodo di riferimento quello precedente all’anno in cui è stata condotta l’indagine, il 2016 – ha ordinato beni o servizi online (articoli sportivi e abbigliamento tra i principali acquisti). In particolare ciò è avvenuto nel Regno Unito (87%), in Danimarca (84%) e in Germania (82%).
Il 20% delle imprese in Europa vende online (in aumento dal 15% del 2010), per un valore pari al 16% del fatturato totale nell’UE (in aumento dal 14% nel 2010). Il 13% delle imprese usa un sito o un’applicazione per vendere i propri servizi o beni ai consumatori (business to consumer), il 12% ad altre aziende (business to business).
Anche sul fronte occupazionale, l’impatto dell’economia digitale non può essere trascurato. Nuove figure professionali – legate all’utilizzo di tecnologie di ultima generazione – vengono oggi richieste dalle aziende in maniera costante. Nel 2016 un quinto di tutte le imprese dell’Unione europea ha impiegato specialisti ICT, ma c’è da dire che la quota è stabile sul 2012.
Tra gli Stati membri dell’UE, le imprese che impiegano specialisti ICT si osservano in quota maggiore in Irlanda (35%) e in Grecia (30%). Marcata è la differenza tra le PMI e le grandi imprese: mentre il 75% degli specialisti ICT risultano occupati in quest’ultime, tra le piccole e medie imprese sono “appena” il 19%.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia