Redditi: si riducono le disuguaglianze | T-Mag | il magazine di Tecnè

Redditi: si riducono le disuguaglianze

Secondo l'Istat i vari interventi pubblici, sia in termini di trasferimento che di prelievo - hanno contribuito positivamente alla dinamica
di Redazione

I vari interventi pubblici di trasferimento messi in campo tra il 2014 ed il 2016 – come ad esempio il bonus degli 80 euro in busta paga per i redditi più bassi o gli assegni familiari – hanno contribuito positivamente a ridurre l’indice di disuguaglianza tra le diverse fasce di reddito, in misura maggiore rispetto ai prelievi (l’imposizione fiscale e contributiva che pesa sul reddito disponibile delle famiglie). A confermarlo è l’Istituto di statistica nel suo ultimo resoconto sulla Redistribuzione del reddito in Italia.

Per calcolare questa dinamica l’Istat si basa sull’indice GINI, che come si legge in una nota, “varia tra 0, in caso di distribuzione perfettamente egualitaria, e 1, che corrisponde alla massima diseguaglianza (nelle tavole, i valori sono moltiplicati per 100). L’indice è calcolato sugli individui, ordinati in base al reddito della famiglia di appartenenza. Il rischio di povertà, sia prima sia dopo l’intervento pubblico, è pari alla percentuale di persone che vive in famiglie con un reddito disponibile inferiore al 60% della mediana”.
Secondo i dati nel 2016 l’indice GINI nel 2016 si è appunto attestato a 45,2 punti (appunto moltiplicando per cento, come spiegato nella nota) per il reddito primario, con una discrepanza abbastanza marcata tra il Mezzogiorno ed il resto del Paese. Al Sud e nelle Isole l’indice GINI relativo al reddito primario sale infatti a 47,7 punti contro i 43,1 del Centro e i 41,5 del Nord.
Guardando invece al reddito lordo, ovvero quello modificato per effetto dei trasferimenti pubblici (appunto, per esempio il bonus degli 80 euro o gli assegni familiari), l’indice GINI del Paese scende a 34,4 punti, riducendo già in parte anche la differenza tra le aree del Paese: nel Mezzogiorno si scende infatti a 35,2 punti, al Centro a 33,2 punti e al Nord a 31,1 punti.
Ulteriore diminuzione dell’indice (ma inferiore rispetto a quella relativa ai trasferimenti: -4,3% contro il -10,5%) si verifica aggiungendo i prelievi (come l’imposizione fiscale e contributiva), ottenendo così il reddito disponibile. In questo caso l’indice scende infatti ai 30,1 punti medi del Paese, risultato dei 30,7 punti del Mezzogiorno, dei 28,9 del Centro e e dei 27 del Nord.

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia