Il contributo delle imprese femminili in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo delle imprese femminili in Italia

La maggior parte è attiva nel Sud e nelle Isole, dove il loro “peso” sull'insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese
di Redazione

Il tessuto imprenditoriale italiano – in tutto le aziende attive nel nostro Paese sono poco più di sei milioni (dati Unioncamere-Infocamere) – è in buona parte composto da imprese femminili.

L’Osservatorio imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere ha quantificato quante sono e ne ha analizzato la distribuzione territoriale. Ciò che emerge è un quadro (molto) interessante e che certifica come l’iniziativa imprenditoriale può essere un antidoto alla crisi occupazionale che riguarda principalmente le donne (e i più giovani).
Secondo i dati di Unioncamere-Infocamere – i più recenti a disposizione sono aggiornati al 31 marzo 2017 –, le imprese femminili registrate nel nostro Paese sono 1.316.017. Di queste, il numero più alto è attivo nel Mezzogiorno, dove il tasso di occupazione femminile è decisamente più basso rispetto alle altre aree del Paese: secondo l’ISTAT, nel primo trimestre 2017 era al 31,3% contro il 48,2% della media nazionale e il 58,8% rilevato nel Nord del Paese.
Nel Sud e nelle Isole, le aziende guidate da una donna sono 474.376, pari al 36% dell’universo imprenditoriale femminile italiano. Nel Nord-Ovest, nel Nord-Est e al Centro sono molte di meno: rispettivamente 311.725, 231.520 e 298.396 unità.
Oltre a certificarne le superiorità numerica, il dossier di Unioncamere-Infocamere osserva che il “peso” delle imprese femminili sull’insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese.
Nel Mezzogiorno, il tasso di femminilizzazione – ovvero il rapporto tra il totale delle imprese e la componente femminile – raggiunge quasi il 23,6%. Il 2% circa in più rispetto al dato medio nazionale (21,75%) ma anche un punto percentuale in più rispetto al Centro, dove si contano 299mila imprese con un tasso di femminilizzazione del 22,5%, e quasi 4 punti percentuali in più rispetto al Nord-Est (oltre 231mila imprese, pari al 20% del totale) e al Nord-Ovest (circa 312mila imprese e un tasso di femminilizzazione del 19,9%).
Se si considera la classifica delle imprese per tasso di femminilizzazione, le prime dieci posizioni sono occupate da regioni del Mezzogiorno – Molise, Basilicata e Abruzzo sono ai primi tre posti –, mentre le regioni dove, al contrario, le realtà imprenditoriali femminili incidono meno sul totale sono tutte settentrionali (Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto).

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia