Il contributo delle imprese femminili in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo delle imprese femminili in Italia

La maggior parte è attiva nel Sud e nelle Isole, dove il loro “peso” sull'insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese
di Redazione

Il tessuto imprenditoriale italiano – in tutto le aziende attive nel nostro Paese sono poco più di sei milioni (dati Unioncamere-Infocamere) – è in buona parte composto da imprese femminili.

L’Osservatorio imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere ha quantificato quante sono e ne ha analizzato la distribuzione territoriale. Ciò che emerge è un quadro (molto) interessante e che certifica come l’iniziativa imprenditoriale può essere un antidoto alla crisi occupazionale che riguarda principalmente le donne (e i più giovani).
Secondo i dati di Unioncamere-Infocamere – i più recenti a disposizione sono aggiornati al
31 marzo 2017 –, le imprese femminili registrate nel nostro Paese sono 1.316.017. Di queste, il numero più alto è attivo nel Mezzogiorno, dove il tasso di occupazione femminile è decisamente più basso rispetto alle altre aree del Paese: secondo l’ISTAT, nel primo trimestre 2017 era al 31,3% contro il 48,2% della media nazionale e il 58,8% rilevato nel Nord del Paese.
Nel Sud e nelle Isole, le aziende guidate da una donna sono 474.376, pari al 36% dell’universo imprenditoriale femminile italiano. Nel Nord-Ovest, nel Nord-Est e al Centro sono molte di meno: rispettivamente 311.725, 231.520 e 298.396 unità.
Oltre a certificarne le superiorità numerica, il dossier di Unioncamere-Infocamere osserva che il “peso” delle imprese femminili sull’insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese.
Nel Mezzogiorno, il tasso di femminilizzazione – ovvero il rapporto tra il totale delle imprese e la componente femminile – raggiunge quasi il 23,6%. Il 2% circa in più rispetto al dato medio nazionale (21,75%) ma anche un punto percentuale in più rispetto al Centro, dove si contano 299mila imprese con un tasso di femminilizzazione del 22,5%, e quasi 4 punti percentuali in più rispetto al Nord-Est (oltre 231mila imprese, pari al 20% del totale) e al Nord-Ovest (circa 312mila imprese e un tasso di femminilizzazione del 19,9%).
Se si considera la classifica delle imprese per tasso di femminilizzazione, le prime dieci posizioni sono occupate da regioni del Mezzogiorno – Molise, Basilicata e Abruzzo sono ai primi tre posti –, mentre le regioni dove, al contrario, le realtà imprenditoriali femminili incidono meno sul totale sono tutte settentrionali (Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto).

 

Scrivi una replica

News

Unicredit ha subito un attacco informatico, violati dati di 400 mila clienti italiani

UniCredit ha reso noto di aver subito un attacco informatico ai propri sistemi “con accesso non autorizzato a dati di clienti italiani relativi solo a…

26 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fmi: troppo lenti i progressi per la riduzione dei crediti deteriorati

Secondo il Fondo monetario internazionale, i progressi compiuti dall’Italia per la riduzione dei crediti deteriorati “sono stati troppo lenti”. La riduzione tra il 2016 ed…

25 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mediaset: Adriano Galliani nominato presidente di Premium

L’ex amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, è il nuovo presidente di Mediaset Premium. L’annuncio in una nota dell’azienda: “Alla vigilia dei nuovi bandi d’asta…

25 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aeroporti: passeggeri in crescita del 6,7% nei primi sei mesi del 2017

Sono stati complessivamente 80,5 milioni i passeggeri che nel corso dei primi sei mesi del 2017 hanno transitato negli aeroporti italiani. Una cifra, quella comunicata…

25 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia