Torna a crescere la fiducia di consumatori e imprese a giugno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Torna a crescere la fiducia di consumatori e imprese a giugno

Migliorano sia i giudizi che le attese sulla situazione economica del Paese, bene anche le attese sulla disoccupazione
di Redazione

Dopo la debacle di maggio, a giugno sia l’indice dell’’Istat che misura la fiducia dei consumatori che quello relativo alle imprese hanno ricominciato a crescere, riprendendo l’andamento positivo che ha interessato i primi mesi del 2017. Tuttavia, nonostante il miglioramento, entrambi gli indici si sono attestati a livelli inferiori rispetto al mese di aprile.

Secondo le rilevazioni dell’Istat a giugno la fiducia dei consumatori si è attestata a 106,4 punti, contro i 105,4 di maggio ed i 107,4 di aprile. Dalle tabelle emerge come a riportare un miglioramento siano state tutte le componenti: il clima economico è infatti passato da 122 punti a 123,6, quello personale da 100,2 a 100,9, quello corrente da 105,2 a 105,7, mentre quello futuro da 106,6 a 107,7.
Anche per quanto riguarda i giudizi e le attese dei consumatori dalle rilevazioni traspare un cauto ottimismo. Sulla situazione economica del Paese migliorano infatti entrambe le voci, passando da -51 punti a -47 per i giudizi e da -37,8 a -33,8 per le attese. Andamento analogo ha interessato anche i giudizi e le attese sulla situazione economica della propria famiglia: nel primo caso l’indice passa a -31,7 punti dai -32,6 di maggio, nel secondo sale a -13,9 punti da -14,2. Lieve miglioramento anche per i giudizi sul bilancio familiare, da 9,3 a 9,4, e per le opportunità attuali all’acquisto di beni durevoli, da -59 a -58,7. Crescono anche le attese sulla disoccupazione, il cui indice è passato da 32,9 a 35,4 punti.
Per quanto riguarda invece le imprese, le rilevazioni dell’Istituto nazionale di statica indicano una crescita dai 106,2 punti di maggio ai 106,4 di giungo (106,8 ad aprile). Anche in questo caso il miglioramento dell’indice generale è stato comprato da quai tutte le componenti, escluse le imprese del commercio al dettaglio, per cui si rileva una diminuzione dell’indice di di oltre due punti: da 111,1 a 108,9. Per quelle manifatturiere si registra invece una crescita da 106,9 a 107,3 punti, per quelle di costruzione da 128,1 a 129,8 e per quelle dei servizi di mercato da 105,6 a 106.

 

Scrivi una replica

News

Germania, Steinmeier: “Formare un governo al più presto”

“Tutte le controparti politiche elette al parlamento tedesco hanno l’obbligo e l’interesse comune di servire il paese”. Così il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “L’espansione economica resta solida e ampia”

“L’espansione economica resta solida e ampia per quanto riguarda i settori e i Paesi della zona euro, sostenuta soprattutto dalla domanda interna”. Lo ha detto…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, Malagò: “Commissariare la Figc è l’unica soluzione”

“Unica soluzione, commissariare la Figc”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo poco dopo le dimissioni dalla presidenza della FIGC presentate da…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Siamo finalmente tornati a crescere”

“L’Italia finalmente è tornata alla crescita economica, con una crescita tendenziale dell’1,8% quest’anno, che è molto importante non per la cifra in sé ma perché…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia