Così l’industria agroalimentare italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così l’industria agroalimentare italiana

I dati sono positivi anche per quanto riguarda i consumi alimentari, la cui recente crescita ha trainato l'aumento complessivo dei consumi (food e non)
di Redazione

I dati relativi alle performance delle sole aziende AIIPA – la sigla che raccoglie le industrie di prodotti alimentari, aderenti a Confindustria – sono positivi e in linea con quelli relativi all’intera industria agroalimentare italiana.

Nel 2016 il fatturato delle aziende AIIPA hanno raggiunto i 18,7 miliardi di euro, in crescita rispetto al 2015 (+2,6%). A crescere sono state anche le esportazioni, a quota 5,1 miliardi (+4,3%).
Anche l’ultima edizione del Food Industry Monitor, osservatorio sulle aziende agroalimentari curato dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo-Bra, certifica il buono stato di salute dell’industria alimentare italiana.
Il rapporto – l’analisi passa in rassegna le performance di 809 società di capitale agroalimentari, per un fatturato aggregato di 58 miliardi a fronte dei 135 miliardi di valore complessivo dell’intero settore – rileva che nel 2016 i ricavi sono cresciuti del 2,5%, un ritmo di crescita superiore a quello del Prodotto interno lordo italiano.
Pur essendo in linea con quanto accaduto negli ultimi cinque anni, il dato sui ricavi è in leggero calo rispetto al tasso di crescita registrato tra il 2014 e il 2015 (+3,8%).
I dati sono positivi anche per quanto riguarda i consumi alimentari, la cui recente crescita ha trainato l’aumento complessivo dei consumi (food e non) registrata da Nielsen (tra gennaio e aprile 2017 le vendite a valore sono aumentate del 2,1% su base annua).
Secondo il report sui consumi alimentari di ISMEA, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, elaborato sulla base dei dati delle indagini Nielsen, nel primo trimestre 2017, la spesa delle famiglie italiane per gli acquisti agroalimentari è cresciuta lievemente rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+0,2%), con la spesa per i generi alimentari che compensa il leggero calo registrato tra le bevande (-0,3%).
L’indagine ISMEA registra quindi un’inversione di tendenza: nel 2016 la spesa delle famiglie italiane per gli acquisti agroalimentari ha subito una leggera contrazione (-0,6%).

 

Scrivi una replica

News

Germania, la Linke entra al Bundestag

Malgrado il 4,9% ottenuto, la Linke (partito di sinistra), entra nel Bundestag grazie ai tre mandati su cinque. Stando alla nuova distribuzione di forze, nella…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: “La Germania è stabile”

“La Germania è sempre stabile”. Lo ha affermato Olaf Scholz, aspirante cancelliere dell’Spd, in conferenza stampa a Berlino, commentando i risultati delle elezioni e le…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, in Labour nuove regole per la nomenclatura

La riforma del regolamento interno ai Labour che forza il peso della nomenclatura ci sarà. Decisiva per ottenere la vittoria di misura è stata l’adesione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, vince la Spd ma Cdu non cede. Merkel in carica fino al nuovo governo

Per la prima volta nel dopoguerra, i due maggiori partiti della Germania sono sotto la soglia del 30%. Infatti, il conteggio ufficiale provvisorio della Commissione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia