Lavoro: i giovani i più in difficoltà, si salvano gli over50 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: i giovani i più in difficoltà, si salvano gli over50

Nell'Eurozona il tasso di disoccupazione si attesta al 9,3%, quello giovanile al 18,9%
di Redazione

Nel mese di maggio, stando agli ultimi dati Istat, cala l’occupazione, soprattutto tra gli uomini. La diminuzione interessa tutte le classi di età, esclusi gli over 50, ma allargando l’orizzonte il calo congiunturale non ha un impatto sul periodo marzo-maggio, che anzi registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,3%, +65 mila).

Insomma, come era già emerso dall’ultima nota trimestrale sull’occupazione, in generale il mercato del lavoro rileva un trend al rialzo. Nel primo trimestre 2017 – si legge nella nota congiunta di Istat, Ministero del Lavoro, Inps e Inail – è proseguita “la tendenza all’aumento dell’occupazione su base annua e in termini congiunturali”. Aggiungendo che “le dinamiche del mercato del lavoro si sono sviluppate in un contesto di significativa crescita del prodotto interno lordo, che ha segnato un aumento congiunturale dello 0,4% e un tasso di crescita tendenziale dell’1,2%”.
A maggio si è però osservato il calo degli occupati, che sono 51 mila in meno (-0,2%) e i disoccupati sono aumentati di 44 mila unità (invariata la stima degli inattivi). Il trend negativo dell’occupazione ha interessato entrambe le componenti, stavolta in maniera più marcata quella maschile (-0,3%) rispetto a quella femminile (-0,1%). In generale il tasso di occupazione scende al 57,7%.
La fascia di età più in difficoltà è quella dei 35-49enni: in questo segmento gli occupati sono 41 mila in meno, mentre i disoccupati risultano essere 19 mila in più. Nella fascia di età 25-34 anni sono 20 mila gli occupati in meno e 28 mila i disoccupati in più. Per quanto riguarda i giovani tra i 15 e i 24 anni, gli occupati sono 28 mila in meno e i disoccupati 25 mila in più.
Nell’Eurozona il tasso di disoccupazione si attesta nello stesso periodo di riferimento al 9,3%, i valori più alti si rilevano sempre in Spagna (17,7%) e Grecia (22,5%, marzo 2017) mentre in Italia è all’11,3%, sopra Cipro (11%), Portogallo (9,8%) e Francia (9,6%).
A maggio il tasso di disoccupazione giovanile si attesta al 16,9% nell’UE28 e al 18,9% nell’area dell’euro, entrambi i dati in calo dal 19% e dal 21,3% di maggio 2016. Il valore più basso viene rilevato in Germania (6,7%), mentre i più alti in Grecia (46,6%, marzo 2017), Spagna (38,6%) e Italia (37%).

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia