Manifatturiero: su produzione e ordini a giugno. Sale l’indice Pmi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Manifatturiero: su produzione e ordini a giugno. Sale l’indice Pmi

Buoni risultati hanno incoraggiato sia l'Italia che il resto dell'Eurozona. La Grecia torna in fase di espansione
di Redazione

Alla fine del secondo trimestre il settore manifatturiero italiano ha registrato un nuovo miglioramento. La produzione ha infatti registrato un aumento, sostenuta dall’espansione record degli ordini arrivati dall’estero, con una conseguente crescita dei livelli occupazionali.

A fare il punto sulla situazione è Markit economics che nel consueto resoconto mensile spiega che questa serie di fattori positivi ha comportato un aumento dell’indice Pmi della produzione manifatturiera, arrivato a toccare i 55,2 punti, contro i 55,1 del mese precedente. Un livello che, nonostante la debacle del mese precedente (quando si registrò il punteggio più basso degli ultimi quattro mesi), ha consentito al settore di chiudere il miglior trimestre degli ultimi sei anni.
Ottimi risultati giungono anche dalle rilevazioni effettuate da Markit a livello europeo. A giungo l’indice Pmi manifatturiero è salito a 57,4 punti, contro i 57,3 della stima flash e i 57 punti registrato a maggio. Anche in questo caso Markit parla di un aumento considerevole dei livelli produttivi e degli ordini e, di conseguenza, di una crescita record dei posti di lavoro creati. Nella media del secondo trimestre l’indice Pmi si è attestato a 57 punti: il livello più alto dal primo trimestre del 2011.
A comportare l’aumento dell’indice medio è stato il buon andamento rilevato per quasi tutti i Paesi dell’area. Tra i Paesi menzionati nella nota della società londinese, spiccano i 60,7 punti dell’Austria (record da 76 mesi), i 59,6 della Germania (record da 74 mesi) e i 58,6 dei paesi Bassi (record da 74 mesi). Bene anche Francia (54,8 punti), Spagna (54,7 punti) e soprattutto Grecia che, con 50,5 punti, torna in fase di espansione, mettendo a segno il valore massimo degli ultimi 37 mesi.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia