Le casalinghe in Italia (in cifre) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le casalinghe in Italia (in cifre)

Poco più della metà delle casalinghe non ha mai svolto attività lavorativa retribuita nel corso della vita, di solito per motivi familiari. Sono 600 mila, invece, le casalinghe scoraggiate che pensano di non poter trovare un lavoro
di Redazione

La condizione economica delle casalinghe non è particolarmente buona. L’Istat lo dice forte e chiaro nel report Le casalinghe in Italia. Nel 2016, stima l’Istituto nazionale di statistica, sono 7 milioni 338 mila le donne che si dichiarano casalinghe nel nostro Paese, 518 mila in meno rispetto a dieci anni fa. La loro età media è 60 anni. Le anziane di 65 anni e più superano i tre milioni e rappresentano il 40,9% del totale, quelle fino a 34 anni sono l’8,5%. Le casalinghe vivono prevalentemente nel Centro-Sud (63,8%).

Il 74,5% delle casalinghe, prosegue l’Istat, possiede al massimo la licenza di scuola media inferiore. Nel 2012 solo l’8,8% ha frequentato corsi di formazione, quota che sale di poco tra le giovani di 18-34 anni (12,9%). Il 42,1% delle casalinghe vive in una coppia con figli, un quarto in coppia senza figli e il 19,8% da sola. Quelle di cittadinanza straniera sono 560 mila. Poco più della metà delle casalinghe non ha mai svolto attività lavorativa retribuita nel corso della vita. Il motivo principale per cui le casalinghe di 15-34 anni non cercano un lavoro retribuito è familiare nel 73% dei casi. Sono 600 mila, invece, le casalinghe scoraggiate che pensano di non poter trovare un lavoro.
La condizione economica delle casalinghe non è buona, dicevamo all’inizio. Secondo l’Istat nel 2015 sono più di 700 mila le casalinghe in povertà assoluta, il 9,3% del totale.

Nel 2014 sono state effettuate in Italia 71 miliardi e 353 milioni di ore di lavoro non retribuito per attività domestiche, cura di bambini, adulti e anziani della famiglia, volontariato, aiuti informali tra famiglie e spostamenti legati allo svolgimento di tali attività; 41 miliardi e 794 milioni di ore sono invece le ore di lavoro retribuito stimate nei Conti Nazionali. Le donne hanno effettuato 50 miliardi e 694 milioni delle ore di produzione familiare (il 71% del totale). Le casalinghe, con 20 miliardi e 349 milioni di ore, sono i soggetti che contribuiscono maggiormente a questa forma di produzione. Il numero medio di ore di lavoro non retribuito svolte in un anno è pari a 2.539
per le casalinghe, 1.507 per le occupate e 826 per gli uomini (considerando sia quelli occupati, sia quelli non occupati).

Nel 2014 le coppie di genitori in cui la donna è casalinga di età compresa tra 25 e 44 anni e l’uomo lavora, sono caratterizzate da un livello elevato di asimmetria: l’80,3% contro il 67,3% delle coppie in cui entrambi i partner lavorano. Nel tempo però l’asimmetria nel lavoro familiare è andata diminuendo (era l’89,6% del 1989). Tale diminuzione è legata sia al taglio che le madri casalinghe hanno operato nel tempo che dedicano al lavoro familiare (-47 minuti al giorno tra il 1989 e il 2014), sia all’incremento, seppur più modesto, del contributo dei padri (+35 minuti giornalieri).

Le casalinghe, poi, rileva ancora l’Istat, sono coinvolte poco nell’accesso a Internet (17,8%) e nella fruizione culturale. Solo il 27,3% è andato al cinema almeno una volta nell’anno, il 30% ha letto almeno un libro nell’anno; il 15% ha visitato musei e mostre. Livelli bassi di consumi si evidenziano anche per i concerti, il teatro e la lettura di quotidiani. Più di un terzo delle casalinghe presenta un valore alto di soddisfazione della propria vita. Tra le occupate la quota di chi esprime un giudizio così positivo è quasi 10 punti percentuali più alta (45,1%).

 

Scrivi una replica

News

OMS: nel 2016 nel mondo un bambino su dieci non ha ricevuto alcun vaccino

Secondo le ultime cifre diffuse dall’Organizzazione mdoniale della sanità nel 2016 12,9 milioni di bambini nel mondo non avrebbero ricevuto alcun vaccino. Si parla di…

24 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Assinform: mercato digitale in crescita del 2,8% nel primo trimestre

Nel primo trimestre del 2017 il mercato digitale è registrato una crescita del 2,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E’ uno dei numeri…

24 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Charlie, i genitori rinunciano a battaglia legale: “È troppo tardi”

I genitori del piccolo Charlie, affetto da una malattia degenerativa, sembrano intenzionati a rinunciare alle vie legali per le cure del figlio. L’annuncio, secondo quanto…

24 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: Jared Kushner nega contatti con Mosca durante la campagna presidenziale

Secondo quanto si apprende da fonti statunitensi, il genero di Donald Trump, Jared Kushner, ha smentito di avere avuto contatti con le autorità russe o…

24 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia