Tpl: così la mobilità urbana in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tpl: così la mobilità urbana in Italia

"In alcune grandi aree la condizione è davvero di emergenza", dice Legambiente. Secondo i dati Istat nel 2015 è tornata a calare la domanda di trasporto pubblico locale, mentre è cresciuta l'offerta (soprattutto grazie ai servizi di metropolitana)
di Redazione

Legambiente parla di “mobilità in-sostenibile”: nelle grandi città si predilige il mezzo privato, a scapito delle altre tipologie di trasporto. Negli ultimi anni, infatti, è cresciuta la quota degli spostamenti in automobile. Dall’8,1% del 2014 si è passati all’8,3% del 2015, contestualmente è diminuita la percentuale degli spostamenti con i mezzi pubblici dal 14,6% all’11,7% nel medesimo periodo di riferimento (dati Cdp, Asstra). Secondo Legambiente le città italiane – Roma è maglia nera con 67 auto ogni cento abitanti – hanno un “drammatico” bisogno di rilanciare le diverse forme di mobilità sostenibile, per migliorare la vita delle persone e la qualità dell’aria: “In alcune grandi aree urbane la condizione è davvero di emergenza”.

Legambiente ha diffuso i dati in occasione del convegno Mobilità In-sostenibile, che si è tenuto a Roma il 12 luglio. Lo stesso giorno l’Istat ha pubblicato i numeri della mobilità urbana, che sembrano confermare tale andamento poco virtuoso. Dopo la debole ripresa del 2014 – afferma l’Istituto nazionale di statistica –, torna a calare la domanda di trasporto pubblico locale (Tpl) nei capoluoghi di provincia, pari a 186,8 passeggeri per abitante contro i 189,5 dell’anno precedente. La flessione è spiegata quasi interamente dalle forti variazioni di segno opposto registrate a Roma e Milano (-6 e +4,1% di passeggeri trasportati, rispettivamente). Per la prima volta negli ultimi cinque anni è aumentata, invece, l’offerta del Tpl: da 4.425 a 4.503 posti-km per abitante. “La ripresa si deve essenzialmente ai servizi di metropolitana, la cui produzione è cresciuta di oltre il 10% in valore assoluto (+15,7% a Milano), mentre è diminuita o rimasta invariata la produzione delle altre principali modalità (autobus -1,6%, filobus -4,6%, tram +0,3%)”.

Prosegue l’Istat: continua a crescere la dotazione di infrastrutture di Tpl su ferro (tranvie e metropolitane). La densità di rete della metropolitana, in particolare, sale da 0,86 a 0,90 km per 100 km2 grazie alle estensioni realizzate a Roma e Milano. Sostanzialmente invariata rispetto al 2014, invece, la dotazione di corsie preferenziali (4,4 km per 100 km2), il 50% delle quali è in sede protetta. Non si registrano variazioni di rilievo nella densità territoriale di fermate e stazioni, una misura dell’accessibilità ai servizi di Tpl. Diminuisce il numero delle fermate di autobus e filobus (dello 0,3 e dello 0,9%), mentre aumentano le fermate del tram (+1%) e soprattutto le stazioni della metropolitana (+7,4%). Si riduce, invece, rispetto al 2014, la disponibilità dei veicoli impiegati per il Tpl: in particolare, gli autobus (di gran lunga la modalità più diffusa) scendono da 79,4 a 75,2 ogni 100 mila abitanti, mentre non si registrano variazioni sostanziali per le altre modalità. In compenso, continua a crescere (dal 22,1 al 24,6%) la quota degli autobus “ecologici”, in larga maggioranza alimentati a metano o Gpl. Le velocità commerciali medie delle principali modalità di Tpl, tutte in lieve aumento rispetto all’anno precedente, sono di 19,4 km/h per autobus e filobus, 16,2 km/h per il tram e 29,1 km/h per la metropolitana. Le licenze di taxi attive nei capoluoghi di provincia sono 12,5 ogni 10 mila abitanti, come nel 2014 (ma erano 12,8 nel 2012).

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia