Industria 4.0: dove si investe di più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria 4.0: dove si investe di più

Sono ancora pochi, nonostante i vantaggi siano notevoli come dimostrato da uno studio della SVIMEZ che ha quantificato l'impatto economico del Piano Industria 4.0
di Redazione

Attualmente i settori del comparto manifatturiero dove, alla fine del 2016 la maggioranza delle imprese prevedeva di adottare o aumentare durante il 2017 le tecnologie ICT del Piano Industria 4.0, sono ancora una manciata.

In tutto sono sei settori su 22, secondo i dati riferiti dal presidente dell’ISTAT, Giorgio Alleva, alla Commissione Lavoro del Senato. Un piccolo miglioramento rispetto al 2016: lo scorso anno, solo due comparti avevano già adottato (o investito) sulle tecnologie della quarta rivoluzione industriale.
I settori interessati sono gli autoveicoli, dove puntano su queste tecnologie due imprese su tre, l’elettronica, le apparecchiature elettriche, la farmaceutica, la metallurgia e i macchinari.
Meglio va tra le imprese dei servizi, dove l’interesse appare maggiore: i settori dove, alla fine del 2016 la maggioranza delle imprese prevedeva di adottare o aumentare le tecnologie richieste dall’Industria 4.0, sono 10 su 26.
L’ISTAT osserva che i dati testimoniano un impegno da parte del sistema produttivo verso l’aggiornamento tecnologico, anche se non coinvolge ancora tutti. Eppure le opportunità offerte dall’Industria 4.0 sono molte – tra le altre cose, il fine è rendere la produzione industriale automatizzata e interconnessa, con la possibilità di vedere crescere la produttività e un abbassamento dei costi –, tanto da convincere il governo a lanciare un piano specifico che
Uno studio della SVIMEZ sul Piano Industria 4.0 ha provato a quantificarne l’impatto sulle diverse aree del Paese. L’analisi sostiene che il Piano potrà generare una crescita aggiuntiva al Centro-Nord, pari a quasi lo 0,2% del Prodotto interno lordo. Nel Mezzogiorno, l’effetto sarà meno consistente, circa lo 0,03% del PIL.
Il diverso impatto è imputabile alle caratteristiche che differenziano i due tessuti produttivi. Lo SVIMEZ sottolinea che nel Centro-Nord le imprese reagiscono “positivamente” a quelle misure “che vanno nella direzione di accrescere la dotazione dei vantaggi competitivi meno diffusi”.
L’industria meridionale, invece, è caratterizzata da minori livelli di innovatività, da una più bassa diffusione delle tecnologie ICT e da dimensioni aziendali inferiori rispetto a quelle delle concorrenti del Centro-Nord del Paese.
A tutto questo si aggiunge un secondo fattore, non meno importante: durante la crisi economica, l’industria del Mezzogiorno (già relativamente minore) si è contratta in modo notevole, con un’intensità doppia rispetto a quella centro-settentrionale.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia