Migranti, Orlando: “Dire aiutiamoli a casa loro è insufficiente” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migranti, Orlando: “Dire aiutiamoli a casa loro è insufficiente”

“Dire aiutiamoli a casa loro è insufficiente”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, intervenendo nel corso di Agorà Estate, l’approfondimento informativo di Rai3 condotto ogni mattina, dalle 8 alle 10. “E’ del tutto evidente che ci vuole la cooperazione internazionale ma è abbastanza demagogico, così come lo è dire blocchiamo i flussi, dire aiutiamoli a casa loro nel senso che bisogna fare la cooperazione internazionale, è giusto ma bisogna sapere che, primo, da dei frutti in periodi lunghi e secondo, per molti di quei paesi la cooperazione è impossibile, impraticabile”, ha proseguito.
Secondo Orlando, “oggi la destra parla di aumentare i fondi alla cooperazione, il problema è che quando era al governo li ha praticamente ridotti a zero: non credo ci sia una svolta politica in questa frase”. “Noi abbiamo sempre detto che è un nostro dovere accoglierli ma c’è un limite e per questo l’Europa se ne deve fare carico complessivamente”, ha concluso.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia