Sud: la crisi ha rafforzato le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sud: la crisi ha rafforzato le imprese

Un processo di selezione ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato
di Redazione

Quanto emerge dal Check Up Mezzogiorno di Confindustria e SRM – seppure moderata, continua la risalita del Sud e delle Isole – è riconducibile (principalmente) al contributo offerto da un tessuto imprenditoriale, in parte diverso da quello del 2007.
Confindustria e SRM osservano che la caratteristica principale del tessuto imprenditoriale del Mezzogiorno (composto per il 90% da piccolissime imprese, ovvero quelle che impiegano meno di 10 dipendenti, e perlopiù da ditte individuali) “è stata rafforzata dalla lunga crisi, in particolare nel settore manifatturiero”, all’interno del quale, inoltre, si è registrato il più alto numero di chiusure-fallimenti, la maggiore perdita di occupati e di investimenti.

La crisi economica ha condotto un processo di selezione – Confindustria e SRM lo descrivono come “particolarmente violento e profondo” –, che ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato: il Rapporto PMI Mezzogiorno, condotto da Confindustria e dal Cerved, osserva che la presenza di queste imprese si è ridotta infatti dal 22,9% al 20,4% tra il 2013 e il 2014.
Chi è sopravvissuto alla crisi economica, invece, è “oggettivamente più forte”. Ad aumentare sono state, sia in termini relativi sia in termini assoluti, le piccole e medie imprese con un bilancio classificato come “solvibile”, dal 36,4% al 40,4%. Le imprese rimaste sul mercato sono ora più solide dal punto di vista dell’equilibrio finanziario, meno indebitate, più patrimonializzate.
Non mancano le zone d’ombra, comunque: rispetto al dato nazionale, il sistema meridionale presenta ancora una maggiore rischiosità. La quota di imprese del Sud in area di solvibilità è infatti più bassa del 6,5%, mentre per quelle in area di rischio la percentuale è più alta di 2,2 punti percentuali. Infine, seppure in calo, anche nel 2015 la probabilità di default resta alta, in particolare per le PMI meridionali fortemente dipendenti dalle banche (6,4%, contro una media nazionale del 5,1%).

 

Scrivi una replica

News

Trump: «Ringrazio Kim Jong-un»

«Ringrazio Kim per il suo coraggio. Ma le sanzioni Usa andranno avanti fino alla denuclearizzazione della Corea del Nord». Lo ha detto Donald Trump, parlando…

25 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Rispettare la sovranità dell’America, isolare l’Iran»

«Gli Stati Uniti sono pronti a imporre nuove sanzioni sull’Iran che deve rimanere isolato fino a che continuerà a sostenere il terrorismo e finchè le…

25 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aquarius 2, accordo tra Portogallo, Francia e Spagna

I media francesi hanno reso noto che il Portogallo ha raggiunto un accordo con Madrid e Parigi per accogliere i migranti a bordo dell’Aquarius 2…

25 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rohani: «Dialogo se Trump rispetta i patti»

«Teheran prenderà in considerazione nuovi negoziati con Washington solo se l’amministrazione Trump farà marcia indietro e riprenderà a rispettare gli impegni dell’accordo sul nucleare iraniano».…

25 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia