Sud: la crisi ha rafforzato le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sud: la crisi ha rafforzato le imprese

Un processo di selezione ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato
di Redazione

Quanto emerge dal Check Up Mezzogiorno di Confindustria e SRM – seppure moderata, continua la risalita del Sud e delle Isole – è riconducibile (principalmente) al contributo offerto da un tessuto imprenditoriale, in parte diverso da quello del 2007.
Confindustria e SRM osservano che la caratteristica principale del tessuto imprenditoriale del Mezzogiorno (composto per il 90% da piccolissime imprese, ovvero quelle che impiegano meno di 10 dipendenti, e perlopiù da ditte individuali) “è stata rafforzata dalla lunga crisi, in particolare nel settore manifatturiero”, all’interno del quale, inoltre, si è registrato il più alto numero di chiusure-fallimenti, la maggiore perdita di occupati e di investimenti.

La crisi economica ha condotto un processo di selezione – Confindustria e SRM lo descrivono come “particolarmente violento e profondo” –, che ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato: il Rapporto PMI Mezzogiorno, condotto da Confindustria e dal Cerved, osserva che la presenza di queste imprese si è ridotta infatti dal 22,9% al 20,4% tra il 2013 e il 2014.
Chi è sopravvissuto alla crisi economica, invece, è “oggettivamente più forte”. Ad aumentare sono state, sia in termini relativi sia in termini assoluti, le piccole e medie imprese con un bilancio classificato come “solvibile”, dal 36,4% al 40,4%. Le imprese rimaste sul mercato sono ora più solide dal punto di vista dell’equilibrio finanziario, meno indebitate, più patrimonializzate.
Non mancano le zone d’ombra, comunque: rispetto al dato nazionale, il sistema meridionale presenta ancora una maggiore rischiosità. La quota di imprese del Sud in area di solvibilità è infatti più bassa del 6,5%, mentre per quelle in area di rischio la percentuale è più alta di 2,2 punti percentuali. Infine, seppure in calo, anche nel 2015 la probabilità di default resta alta, in particolare per le PMI meridionali fortemente dipendenti dalle banche (6,4%, contro una media nazionale del 5,1%).

 

Scrivi una replica

News

Roma, Raggi: “Archiviato il caso Romeo. Su di me solo fango”

“Infondatezza della notizia di reato. Con queste parole il Tribunale di Roma ha cancellato più di un anno di schizzi di fango, ricostruzioni fantasiose e…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fca, a Marchionne 9,6 milioni di euro nel 2017

Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha percepito un compenso di 9.676.303 di euro ne 2017. Il compenso base è stato di 3,5 milioni mentre…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, Berlusconi: “Il Pd è fuori dalla competizione”

“Il Partito democratico è fuori dalla competizione”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso di un incontro con Assolombarda,…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, nel 2017 casi di morbillo in Europa in crescita del 400% su base annua

In Europa, nel 2017, 35 persone sono state uccise dal morbillo. Ben 21.315 se ne sono ammalate, in crescita del 400% rispetto al 2016, quando…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia