Sud: la crisi ha rafforzato le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sud: la crisi ha rafforzato le imprese

Un processo di selezione ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato
di Redazione

Quanto emerge dal Check Up Mezzogiorno di Confindustria e SRM – seppure moderata, continua la risalita del Sud e delle Isole – è riconducibile (principalmente) al contributo offerto da un tessuto imprenditoriale, in parte diverso da quello del 2007.
Confindustria e SRM osservano che la caratteristica principale del tessuto imprenditoriale del Mezzogiorno (composto per il 90% da piccolissime imprese, ovvero quelle che impiegano meno di 10 dipendenti, e perlopiù da ditte individuali) “è stata rafforzata dalla lunga crisi, in particolare nel settore manifatturiero”, all’interno del quale, inoltre, si è registrato il più alto numero di chiusure-fallimenti, la maggiore perdita di occupati e di investimenti.

La crisi economica ha condotto un processo di selezione – Confindustria e SRM lo descrivono come “particolarmente violento e profondo” –, che ha costretto molte imprese, specie quelle caratterizzate da un grado di rischio economico-finanziario elevato già dal 2007, ad uscire dal mercato: il Rapporto PMI Mezzogiorno, condotto da Confindustria e dal Cerved, osserva che la presenza di queste imprese si è ridotta infatti dal 22,9% al 20,4% tra il 2013 e il 2014.
Chi è sopravvissuto alla crisi economica, invece, è “oggettivamente più forte”. Ad aumentare sono state, sia in termini relativi sia in termini assoluti, le piccole e medie imprese con un bilancio classificato come “solvibile”, dal 36,4% al 40,4%. Le imprese rimaste sul mercato sono ora più solide dal punto di vista dell’equilibrio finanziario, meno indebitate, più patrimonializzate.
Non mancano le zone d’ombra, comunque: rispetto al dato nazionale, il sistema meridionale presenta ancora una maggiore rischiosità. La quota di imprese del Sud in area di solvibilità è infatti più bassa del 6,5%, mentre per quelle in area di rischio la percentuale è più alta di 2,2 punti percentuali. Infine, seppure in calo, anche nel 2015 la probabilità di default resta alta, in particolare per le PMI meridionali fortemente dipendenti dalle banche (6,4%, contro una media nazionale del 5,1%).

 

Scrivi una replica

News

Alfano: «L’Austria si ritira sui consolati»

«Apprendiamo con soddisfazione che dal ministero degli Esteri austriaco è giunta notizia del ritiro del disegno di legge sull’Alto Adige che riguardava l’apertura dei consolati…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: «Egoismi bloccano il bilancio dell’Europa»

«Confidiamo che il semestre a guida rumena del Consiglio europeo, nei primi sei mesi del 2019, possa dare un contributo a ravvicinare le diverse posizioni,…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Segnali di novità da M5S»

«Sì, ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio». Lo ha detto Matteo Salvini, all’uscita da Palazzo…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Macron-Merkel: «Presto visione comune per l’Europa»

«Entro giugno abbiamo l’obiettivo di presentare una visione comune per l’Europa». Lo ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una conferenza stampa…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia