Tagliate le stime di crescita per gli USA | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tagliate le stime di crescita per gli USA

Regno Unito e Stati Uniti cresceranno meno del previsto, secondo il FMI. Nel primo caso pesano le incertezze economiche legate alla Brexit, nel secondo si attende un impatto poco determinante dalla politica fiscale
di Redazione

Il Fondo monetario internazionale stima la crescita mondiale al rialzo, segno che il recupero del ciclo economico sta proseguendo. Eppure, leggendo i dati riportati nell’ultimo World Economic Outlook qualche segnale altalenante si osserva.

Mentre le principali economie europee (Francia, Germania, Italia e Spagna) mostrano andamenti positivi (e analogamente altre economie avanzate extraeuropee), il Regno Unito e gli Stati Uniti mettono in luce lievi rallentamenti. Contestualmente le economie emergenti dovrebbero registrare una crescita dal 4,3% del 2016 al 4,6% di quest’anno, fino al 4,8% nel 2018.
Per quanto riguarda il Regno Unito, evidentemente le maggiori incognite giungono dal processo di uscita dall’Unione europea. I negoziati per la Brexit stanno entrando nel vivo, ma le parti restano ancora distanti soprattutto su alcuni, spinosi, argomenti.
In qualche modo le prime ripercussioni sul lato economico sono state già registrate, nonostante un mercato del lavoro che ha evidenziato risultati molto positivi. A maggio, infatti, il tasso di disoccupazione era sceso al 4,5%, cioè su valori minimi da 42 anni, e anche i salari medi hanno mostrato un incremento.
Tuttavia l’incertezza pesa sulla fiducia dei consumatori e delle imprese, in quest’ultimo caso – secondo una recente indagine di Ihs Markit – al minimo da sei anni. A incidere non solo l’incertezza economica, ma anche quella politica dopo il voto di giugno e i consumi che restano deboli.
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, che nell’anno in corso vedrà la crescita ridursi dal 2,3% precedentemente stimato al 2,1% e nel 2018 dal 2,5% al 2,1%, il Fondo monetario internazionale sottolinea che il calo nella previsione del 2017 riflette l’andamento poco esaltante del primo trimestre dell’anno, ma il principale fattore dietro tale revisione (specialmente per il 2018) è l’ipotesi che la politica fiscale sarà meno espansiva di quanto immaginato in un primo momento.
Nel mese di giugno le aziende statunitensi hanno creato più posti di lavoro del previsto e al contempo si è assistito ad un timido aumento della disoccupazione, dal 4,3% al 4,4%. Non un dato necessariamente negativo: anche la partecipazione al mercato del lavoro, che continua ad attestarsi ai minimi da 40 anni, ha registrato un piccolo rialzo, passando dal 62,7% al 62,8%.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia