Il cambiamento climatico? È colpa dell’uomo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il cambiamento climatico? È colpa dell’uomo

Lo sostengono gli scienziati di 13 agenzie federali statunitensi. Uno studio europeo osserva invece i pericoli legati ai cambiamenti e al surriscaldamento
di Redazione

Il cambiamento climatico? Esiste ed è responsabilità dell’uomo. In estrema sintesi è la conclusione cui sono giunti gli scienziati di 13 agenzie federali americane nel rapporto che viene redatto ogni quattro anni nell’ambito del National Climate Assessment (lo studio viene richiesto dal Congresso statunitense e deve essere approvato dall’amministrazione in carica). Per quanto l’indagine sia circoscritta alla sola realtà americana, ciò che viene descritto riguarda anche noi: «Le prove del cambiamento climatico sono abbondanti, dall’alto dell’atmosfera alla profondità degli oceani», si legge nella bozza che il New York Times ha pubblicato in anteprima. Dal 1880 al 2015 – si spiega – le temperature sono aumentate di 1,6 gradi Fahrenheit e le cause sono da considerarsi legate al comportamento degli esseri umani. Dal 1980, poi, si è verificato un ulteriore aumento delle temperature, che ha provocato il livello più alto degli ultimi 1500 anni.

In queste ore il dibattito negli Stati Uniti è piuttosto acceso. Quello che l’amministrazione Trump sostiene a proposito dei cambiamenti climatici è noto e c’è chi teme una possibile censura. O, per meglio dire, un alleggerimento dei toni. Quello che sappiamo, ad oggi, è che l’intenzione dichiarata della Casa Bianca è quella di uscire dagli accordi di Parigi, fortemente voluti dalla precedente amministrazione e osteggiati dalla nuova nella convinzione che rappresentino uno svantaggio economico per il paese. Tuttavia, così ha fatto sapere il dipartimento di Stato, «gli Usa continueranno a partecipare ai negoziati e agli incontri internazionali sui cambiamenti climatici per proteggere gli interessi Usa e assicurare che all’amministrazione restino aperte tutte le possibili opzioni».

Le nuove rivelazioni arrivano a pochi giorni di distanza dai risultati di un altro studio, stavolta del Centro comune di ricerca della Commissione europea, dai toni se possibile ancora più allarmanti: i mutamenti delle condizioni atmosferiche potrebbero causare un aumento dei decessi in Europa di 50 volte superiore ad oggi entro la fine del secolo se non vengono adottate misure adeguate nella lotta ai cambiamenti climatici.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia