Così la spesa per cultura nell’UE, Italia sotto la media | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così la spesa per cultura nell’UE, Italia sotto la media

Si spende molto di più per la protezione sociale o la salute, ma anche per la difesa la quota è superiore
di Redazione

Gli Stati membri dell’UE spendono quasi 153 miliardi di euro per “ricreazione, cultura e religione”, una cifra che è l’equivalente all’1% del Pil dell’Unione (anno di riferimento il 2015). L’Eurostat, l’ufficio statistico dell’UE, osserva che è molto meno di quanto si spende per altri capitoli quali la protezione sociale.

Per la protezione sociale, infatti, la spesa è pari al 19,2% del Pil nel 2015, la salute vale il 7,2%, l’istruzione il 4,9%, la difesa l’1,4%. Quella per ricreazione, cultura e religione è una spesa comunque più alta rispetto alla “protezione dell’ambiente”, che è ferma allo 0,8% del Pil.
In rapporto al prodotto interno lordo l’entità della spesa varia in tutti gli Stati UE. Sono l’Irlanda (0,6%), la Grecia, l’Italia e il Regno Unito (0,7%) ad avere speso meno in termini relativi nel 2015, mentre l’Ungheria (2,1%) e l’Estonia (2%) sono quelli in cui si è speso di più. In generale 21 dei 28 paesi membri hanno registrato un rapporto dell’1% circa.
La classifica appare diversa, afferma ancora l’Eurostat, quando gli importi spesi sono i rapporto alla dimensione della popolazione di ciascuno paese UE. Una spesa superiore agli 800 euro per abitante si registra in Lussemburgo (1.068 euro) e in Danimarca (843 euro). Seguono poi a distanza Finlandia (565 euro), Paesi Bassi (561 euro), Svezia (499 euro), Austria (487 euro), Belgio (437 euro) e Francia (435 euro).
Cifre inferiori a 150 euro per abitante, invece, si rilevano in Romania (97 euro), Bulgaria (106 euro), Grecia (113 euro), Lituania (120 euro), Polonia (126 euro), Portogallo (130 euro) e Slovacchia (149 euro). Nella media UE, nel 2015, le spese per “ricreazione, cultura e religione” ammontano a 299 euro per abitante.
Se si guarda infine alla spesa che le famiglie destinano ai consumi culturali e ricreativi, si scopre che nel 2015 quelle italiane hanno speso meno rispetto alla media UE (6,7% e 8,5%). I paesi che si collocano nella parte più bassa della graduatoria europea, con valori inferiori ai nostri, sono sei (Lussemburgo, Cipro, Irlanda, Portogallo, Romania e Grecia). Tra questi, Romania e Grecia presentano una quota percentuale di spesa in consumi culturali inferiore al 6%. Sul podio Svezia, Paesi Bassi e Danimarca, dove la spesa supera il 10% (Rapporto Noi Italia 2017 dell’Istat).

 

Scrivi una replica

News

Germania, Schäuble eletto presidente del Bundestag

Wolfgang Schäuble è stato eletto presidente del Bundestag, il parlamento tedesco. Classe 1942, tra le altre cose, Schäuble è stato anche ministro dell’Interno, ministro delle…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, anche con elezioni anticipate l’applicazione dell’art.155 non si può evitare

Anche convocando anticipatamente le elezioni, il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, non può evitare l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola annunciato dal governo spagnolo sabato.…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Disponibile a discutere sui referendum per l’autonomia”

“Guardo con interesse, rispetto, disponibilità alla discussione aperta dai referendum sul tema dell’autonomia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Consiglio, intervenendo da Marghera,…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Tusk: “Come andrà a finire dipende da Londra”

“Dipende da Londra come andrà a finire: con un buon accordo, senza accordo o senza Brexit”. Lo ha detto Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo,…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia