Export: così il contributo alla crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export: così il contributo alla crescita

Secondo il SACE, nel 2020 l'incidenza delle esportazioni sul PIL italiano toccherà il 30,4%
di Redazione

Quanto certificato dall’ISTAT – tra aprile e giugno le esportazioni italiane sono cresciute dello 0,6% rispetto al trimestre precedente – è un dato positivo. Proprio l’export dovrebbe garantire il contributo più importante alla crescita economica dell’Italia attesa per il 2017.
Secondo REF, quest’anno il Prodotto interno lordo italiano sarà trainato (principalmente) dall’export – “la crescita di quest’anno si basa sull’accelerazione delle esportazioni” –, a beneficiarne sarà l’attività industriale, con effetti altrettanto positivi sull’andamento degli investimenti (il PIL dovrebbe crescere dell’1,3%).

Gli analisti di REF osservano che le altre componenti saranno meno dinamiche. In particolare, i servizi che presentano minori margini di crescita considerando che le prospettive per i consumi delle famiglie italiane rimangono moderate.
Pur osservando che in questa fase la ripresa del PIL è comunque chiaramente di carattere export-led, REF ha osservato che non è scontato che questo possa bastare per riattivare tutti i settori dell’economia.
Il contributo dell’export alla crescita economica dell’Italia è destinato ad aumentare: secondo le stime del SACE – le previsioni sono contenute nel rapporto Export Unchained. Dove la crescita attende il Made in Italy dedicato alle esportazioni –, l’incidenza dell’export di beni e servizi sul Prodotto interno lordo arriverà a toccare il 32,4% nel 2020 dal 30,4% del 2016 (nel 2010 era al 25,8%).
Se confermate, le previsioni di REF rappresenterebbero un’inversione di tendenza rispetto al passato recente. Le esportazioni, fondamentali nel determinare la ripresa economica italiana tra il 2014 e il 2015, hanno subìto un calo – nell’ultima relazione per Paese relativa all’Italia, la Commissione europea parla di una diminuzione notevole –, a causa del “sensibile rallentamento” del commercio con i Paesi non appartenenti all’Unione europea.
Tra il 2016 e il 2020 le cose dovrebbero andare comunque bene, nonostante i tanti fattori di incertezza che caratterizzano il commercio mondiale: le esportazioni italiane dovrebbero crescere ad un tasso medio annuo del 4% contro l’1,7% del quadriennio precedente (dati SACE).

 

Scrivi una replica

News

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopo guerra, in calo del 25%

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopoguerra, con un calo del 25% rispetto al 2015. Mentre l’export vinicolo aumenta del 6,3%.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia