Prezzi al consumo, Istat: a luglio inflazione all’1,1% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi al consumo, Istat: a luglio inflazione all’1,1%

Nel mese di luglio 2017 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,1% su base mensile e dell’1,1% rispetto a luglio 2016 (era +1,2% a giugno), confermando la stima preliminare.
L’ulteriore rallentamento dell’inflazione (per il terzo mese consecutivo) si deve principalmente ai prezzi dei Beni energetici, sia regolamentati (+5,0% da +6,2% di giugno) sia non regolamentati (+2,1% da +2,9%) e a quelli dei Servizi relativi ai trasporti (+3,2% da +4,1% del mese precedente), cui si aggiunge il calo dei prezzi dei Servizi relativi alle comunicazioni (-1,4% da +0,1%).
L'”inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, scende di un decimo di punto percentuale (+0,8% da +0,9% di giugno), mentre quella al netto dei soli Beni energetici si attesta allo 0,9% (come nel mese precedente).
Il lieve incremento su base mensile dell’indice generale è ascrivibile al prevalere degli aumenti, derivanti anche da fattori stagionali, dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+1,6%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,8%), rispetto alle diminuzioni registrate dai prezzi dei Beni alimentari (-0,7%) e dei Beni energetici (-1,0%).
Su base annua rallenta la crescita dei prezzi sia dei beni (+0,8% da +0,9% di giugno) sia dei servizi (+1,3% da +1,5%). Di conseguenza, a luglio il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si conferma positivo e pari a +0,5 punti percentuali.
L’inflazione acquisita per il 2017 è pari a +1,2% per l’indice generale e +0,8% per la componente di fondo.
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona calano dello 0,6% su base mensile e aumentano dello 0,8% su base annua (era +0,7% a giugno).
I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto scendono dello 0,4% in termini congiunturali e aumentano dello 0,9% in termini tendenziali (come nel mese precedente).
L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dell’1,9% su base mensile, per l’avvio dei saldi estivi di Abbigliamento e calzature di cui il NIC non tiene conto, e cresce dell’1,2% su base annua (come nel mese precedente), confermando la stima preliminare.
L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra una variazione nulla su base mensile e aumenta dell’1,0% rispetto a luglio 2016. Lo ha reso noto l’ISTAT in un comunicato sul proprio sito.

 

Scrivi una replica

News

Germania, Schäuble eletto presidente del Bundestag

Wolfgang Schäuble è stato eletto presidente del Bundestag, il parlamento tedesco. Classe 1942, tra le altre cose, Schäuble è stato anche ministro dell’Interno, ministro delle…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, anche con elezioni anticipate l’applicazione dell’art.155 non si può evitare

Anche convocando anticipatamente le elezioni, il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, non può evitare l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola annunciato dal governo spagnolo sabato.…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Disponibile a discutere sui referendum per l’autonomia”

“Guardo con interesse, rispetto, disponibilità alla discussione aperta dai referendum sul tema dell’autonomia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Consiglio, intervenendo da Marghera,…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Tusk: “Come andrà a finire dipende da Londra”

“Dipende da Londra come andrà a finire: con un buon accordo, senza accordo o senza Brexit”. Lo ha detto Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo,…

24 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia