Imprese straniere oltre quota 580mila unità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese straniere oltre quota 580mila unità

A crescere è stata anche l'incidenza sul sistema imprenditoriale italiano, che non ha reagito allo stesso modo delle imprese straniere alla crisi economica
di Redazione

L’ultimo dato di Unioncamere – il numero delle imprese straniere presenti in Italia continua a crescere – ne certifica il dinamismo. Un’indagine di Intesa Sanpaolo ne rivela l’alta resilienza.

Pur andando meno forte del passato – i ritmi di crescita sono inferiori rispetto a quelli registrati negli anni scorsi –, le nuove imprese sono superiori a quelle che cessano la propria attività: il saldo tra aperture e chiusure tra le imprese guidate da stranieri è ancora positivo (nel secondo trimestre del 2017, ha sfiorato le 7mila unità).
Attualmente il sistema delle imprese straniere in Italia conta 580mila realtà. A crescere non è solo il numero, però: di recente, è aumentata anche l’incidenza sul tessuto imprenditoriale italiano, passata dal 7,2% del 2011 al 9,5% del 2011. Un dato che, osserva Unioncamere, è “indice di una popolazione immigrata sempre più attiva nello scenario economico del Paese”.
Attivi perlopiù in alcuni settori – in ordine crescente per numero di imprese attive, troviamo il commercio, le costruzioni, l’alloggio e ristorazione (dati Unioncamere) –, gli imprenditori stranieri stanno dimostrando una notevole capacità di reazione alle difficoltà della crisi economica.
Un dossier di Intesa Sanpaolo – lo studio analizza le performance di oltre 135 mila imprese del manifatturiero e di alcuni servizi più aperti al mercato dal 2011 al 2015 (alloggio e ristorazione, servizi, ICT, trasporti e logistica) – evidenzia che durante la crisi economica l’imprenditoria straniera ha assunto un ruolo e un peso relativo di importanza crescente, contrastando il ridimensionamento dei tassi di natalità delle imprese autoctone e ampliando e diversificando l’offerta di prodotti e servizi.
La riduzione complessiva delle imprese presenti (-0,9%) registrata tra il 2011 e il 2015 è stata mitigata dalla crescita delle imprese create dagli stranieri (+21,3%) che ha compensato il calo rilevato tra le quelle italiane (-2,9%)
Le imprese straniere hanno reagito meglio alla crisi, dunque. Gli indicatori lo certificano ampiamente, presentando valori superiori a quelli delle aziende italiane: +17,7% contro il +10,1% per quanto riguarda le vendite tra il 2012 e il 2015, +26,6% contro +14,2% in relazione all’occupazione e +37,0% contro +19,5% per quanto riguarda il totale attivo.

 

Scrivi una replica

News

Spagna, Puigdemont: “Potrei essere arrestato prima del referendum”

Il presidente catalano, Carles Puigdemont, non esclude che potrà essere arrestato prima del referendum sull’indipendenza del 1° ottobre. “Il procuratore generale lo ha ipotizzato”, ha…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “La Spd vuole essere una forza di opposizione”

La SPD – il Partito socialdemocratico tedesco – vuole essere una forza di opposizione. Lo ha annunciato il leader della SPD, Martin Schulz, commentando i…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, a breve elezioni anticipate: il premier Abe scioglierà la Camera bassa

La camera bassa del Parlamento giapponese verrà sciolta dal premier Shinzo Abe. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando “un membro del Partito Liberal Democratico”.…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Washington introduce nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Trump ha annunciato nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese. Le nuove misure riguardano otto Stati. L’elenco include Iran, Somalia, Libia,…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia