Le imprese femminili nate durante la crisi economica | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese femminili nate durante la crisi economica

Sono diverse e molte di loro sono attive in settori tradizionalmente caratterizzati da un'alta presenza maschile
di Redazione

A volte l’auto-imprenditorialità è diventata una soluzione alle difficoltà occupazionali, a patto (naturalmente) di avere le possibilità per far nascere un’impresa. Ciò vale per i giovani e per le donne, in particolare.

Tante sono le imprese rosa create durante la crisi economica e che sono andate a sommarsi a quelle già presenti sul mercato, la maggior parte delle quali è attiva nel Mezzogiorno, dove il tasso di occupazione femminile è decisamente più basso rispetto ad altre aree del Paese: attualmente le imprese femminili registrate in Italia sono 1.316.017 (dati Unioncamere-Infocamere, aggiornati al 31 marzo 2017).
Quattro imprese femminili su 10 sono state create dal 2010 ad oggi – tra gli uomini si registra un dato diverso: solo tre su 10 hanno meno di sette anni –, a dimostrazione che la crisi economica non ha inciso sull’intraprendenza delle donne. Il dinamismo dell’imprenditoria femminile non è l’unica cosa di cui prender nota, però.
Unioncamere osserva che alcuni settori in cui la presenza è sempre stata piuttosto notevole non sembrano avere più lo stesso appeal. L’analisi cita il caso dell’agricoltura, dove si concentra il 16,3% delle imprese femminili: soltanto l’11% delle imprese rosa nate dopo il 2010 ne fa parte.
Allo stesso tempo, la presenza femminile è cresciuta in modo significativo nei settori tradizionalmente maschili: le nuove imprenditrici hanno scelto così di cimentarsi nelle attività finanziarie e assicurative – oltre 13mila imprese femminili nate dopo il 2010 ne fanno parte –, attività professionali, scientifiche e tecniche (oltre 18 realtà imprenditoriali) e nei servizi di informazione e comunicazione (poco meno di 11mila).
Eppure, nonostante i dati che mostrano una tendenza positiva, non mancano le zone d’ombra. Se in termini di attività le imprese femminili sono quelle che crescono di più, rispetto a quelle maschili hanno però un’esistenza più breve: nel 2016 – rileva Confesercenti – il ciclo di vita medio di un’impresa guidata da una donna (12,9 anni) è stato infatti di quasi due anni più corto rispetto alla media generale (14,7 anni).

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia