I fattori che aiutano la ripresa dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che aiutano la ripresa dell’Eurozona

Secondo l'Eurostat, nel secondo trimestre particolarmente rilevante è stato il contributo offerto dai consumi finali delle famiglie
di Redazione

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, dice che quella dell’Eurozona è “una crescita solida e ben diffusa”. Il dato complessivo – nel secondo trimestre 2017, il PIL dell’area euro è cresciuto sia su base annua (+2,3%) che trimestrale (+0,6%) (fonte: Eurostat) – lo conferma.

Per quanto “ben diffusa” – tra aprile e luglio, le performance di tutti i Paesi dell’Eurozona sono state positive (sia nel confronto con il primo trimestre che con lo stesso periodo dell’anno precedente) –, la crescita non è stata omogenea.
Nel secondo trimestre 2017, una manciata di economie – l’elenco comprende i Paesi Bassi (+1,5% rispetto al trimestre precedente), l’Estonia (+1,3%), la Lettonia (+0,6%) e la Slovenia (+1,1%) – hanno fatto registrare tassi di crescita superiori alle altre. Al vertice opposto della graduatoria che classifica le economie in base alle proprie performance, si trovano Grecia (+0,5%), Italia e Belgio (entrambe a +0,4%) e Portogallo (+0,3%).
La BCE ha nuovamente rivisto al rialzo le stime di crescita dell’Eurozona per il 2017, portandola al 2,2% dal precedente 1,9%.
Quali sono i fattori che hanno determinato la recente crescita dell’Eurozona? L’Eurostat osserva che l’incremento della spesa per i consumi finali delle famiglie dell’area euro (+0,5%) ha contribuito positivamente all’aumento del Prodotto interno lordo (a crescere sono state anche le esportazioni: +1,1%).
Nelle sue previsioni di primavera, comunque la Commissione europea ha osservato che nel 2017 i consumi privati – ovvero “il principale motore della crescita negli ultimi anni” – dovrebbero diminuire, dopo aver raggiunto nel 2016 il livello più alto dell’ultimo decennio. A pesare sarà l’inflazione che erode parzialmente il potere d’acquisto delle famiglie. Nel 2018, le cose dovrebbero comunque cambiare: con il previsto rallentamento dell’inflazione, i consumi privati dovrebbero nuovamente registrare una lieve ripresa.
Bene anche gli investimenti – la Commissione europea parla di “un’espansione abbastanza regolare” –, nonostante le modeste prospettive di crescita e della necessità di ridurre l’indebitamento in alcuni settori.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Amsterdam avrà la nuova sede dell’Agenzia europea del farmaco

Amsterdam sarà la futura sede dell’Agenzia europea del farmaco (EMA). La capitale olandese è stata scelta tra una rosa di diverse candidate, tra cui Milano.…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Steinmeier: “Formare un governo al più presto”

“Tutte le controparti politiche elette al parlamento tedesco hanno l’obbligo e l’interesse comune di servire il paese”. Così il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “L’espansione economica resta solida e ampia”

“L’espansione economica resta solida e ampia per quanto riguarda i settori e i Paesi della zona euro, sostenuta soprattutto dalla domanda interna”. Lo ha detto…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, Malagò: “Commissariare la Figc è l’unica soluzione”

“Unica soluzione, commissariare la Figc”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo poco dopo le dimissioni dalla presidenza della FIGC presentate da…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia