La burocrazia costa 22 miliardi di euro | T-Mag | il magazine di Tecnè

La burocrazia costa 22 miliardi di euro

Tutti gli adempimenti burocratici previsti richiedono agli imprenditori l'impiego di parecchio tempo che potrebbe essere destinato ad altre attività
di Redazione

Diverse analisi hanno sottolineato il peso della burocrazia sul tessuto imprenditoriale italiano. L’ultimo rapporto del Centro studi CNA, Piccole imprese e Pubblica amministrazione: un rapporto (im)possibile, offre un’ulteriore conferma, semmai.

L’analisi – lo studio ha coinvolto 1.035 imprese associate alla CNA (quattro su cinque con meno di dieci addetti) – stima che la burocrazia costa agli imprenditori italiani 22 miliardi di euro l’anno. Detto altrimenti, si tratta di cinquemila euro l’anno a impresa, 16 euro al giorno, due euro all’ora.
Le imprese impiegano molto tempo per compiere tutti gli adempimenti burocratici richiesti dalla pubblica amministrazione, del resto. Secondo lo studio della CNA, il 41,3% del campione impiega fino a tre giorni lavorativi al mese.
C’è anche chi ne impiega di più, però: il 32,2% dedica mensilmente cinque giorni, il 9,1% fino a dieci e il 6,8% oltre dieci. Solo il 10,7% riesce a svolgere tutte le pratiche in meno di una giornata lavorativa.
Dunque le imprese impiegano parecchio tempo, che potrebbe essere utilizzato diversamente. Inoltre bisogna c’è anche un secondo aspetto da considerare: molte imprese sono individuali e quindi gli adempimenti burocratici devono essere svolti direttamente dal titolare, che, in alternativa, può rivolgersi ad altri (o liberi professionisti o associazioni).
Difficile sorprendersi se quindi circa nove imprese su dieci (89,7%) di quelle interpellate dal Centro studi della CNA ritengono che la burocrazia rappresenti un serio ostacolo alla competitività del Paese.
Pur ammettendo l’impossibilità di cancellare del tutto la burocrazia, secondo la CGIA di Mestre, se liberate completamente dal suo peso, le piccole imprese (in linea puramente teorica) potrebbero destinare le risorse risparmiate per la creazione di nuova occupazione. La CGIA, che uno studio dedicato al tema prende in considerazione il costo della burocrazia stimato dal governo (quasi 31 miliardi di euro ogni anno), sostiene che i nuovi posti di lavoro potrebbero essere “oltre 750.000”.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia