Su il costo del lavoro nell’Eurozona. In Italia +0,9% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su il costo del lavoro nell’Eurozona. In Italia +0,9%

Mentre in Europa crescono più i salari delle altre voci, in Italia continua a pesare il cuneo fiscale
di Redazione

Nel corso del secondo trimestre del 2017 l’Eurostat ha registrato un nuovo aumento del costo orario del lavoro sia nell’Eurozona che nell’Unione europea, accelerando notevolmente rispetto al primo trimestre. Una notizia che da un lato è positiva, ma che in realtà nasconde anche un fattore destabilizzante, soprattutto nel nostro Paese. Il costo del lavoro, infatti, si ottiene calcolando sia i salari che i costi non salariali, ovvero tutta quella spesa che direttamente o indirettamente va a pesare su lavoratori e imprese.

In generale l’Istituto di statistica della Commissione europea parla di un aumento annuo dell’1,8% per l’area della moneta unica e un +2,2% per l’Ue, contro il +1,4% e il +1,6% del primo trimestre. Entrando nel dettaglio, gli indici mostrano che un notevole contributo alla crescita del costo del lavoro è stato fornito dai salari, aumentati del 2% nell’Eurozona e del 2,4% nell’Unione europea, mentre la componente non salariale ha registrato un +0,8% e un +1,6%.
E’ la parte non salariale a preoccupare nel nostro Paese. Secondo le ultime rilevazioni dell’Ocse il cuneo fiscale (appunto la somma di tutte le imposte dirette o indirette che gravano sul costo totale del lavoro) è pari al 47,8%: quasi la metà del costo del lavoro e distante 12 punti dalla media dell’area, pari al 36%. Il nostro Paese nella classifica Taxing Wages si piazza al quinto posto, facendo peggio solo di Belgio (con il 54%), Germania (49,4%), Ungheria (48,2%) e Francia (48,1%).
Tornando ai dati dell’Eurostat, le ultime rilevazioni mostrano come nel secondo trimestre il costo del lavoro in Italia sia aumentato dello 0,9%, riflettendo l’aumento dello 0,7% che interessato i salari e il +1,4% registrato per le altre voci: proprio il contrario rispetto all’andamento registrato dal dato medio europeo.
C’è da dire, comunque che il nostro non è l’unico Paese dove la componente non salariale ha registrato un tasso di crescita maggiore rispetto ai salari. Tra i nostri principali partner compaiono infatti il Regno Unito (+1,6% per i salari e +3,3% per gli altri costi), la Grecia (+0,6% e +5,6%) e l’Olanda (+1,4% e +2,9%). Mentre in Paesi come la Finlandia e il Lussemburgo la componente salariale ha registrato addirittura una flessione, rispettivamente del 5% e del 6,7%.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Export in calo dello 0,1% ad aprile»

«Ad aprile 2018 si stima un lieve aumento congiunturale sia per le esportazioni (+0,1%) sia per le importazioni (+0,7%). La lieve crescita congiunturale dell’export è…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, presidenziali al centrodestra: vince Duque

Le elezioni presidenziali in Colombia sono state vinte dal candidato di centrodestra Ivan Duque, che ha ottenuto il 54% dei voti. Il suo rivale Gustavo…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, sisma di magnitudo 6.1 a Osaka: tre morti e 100 feriti

un terremoto di magnitudo 6.1 ha fatto tremare il Giappone nell’area di Osaka. Il sisma ha provocato tre vittime e 100 feriti.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,91 dollari al barile e Brent a 72,9 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 72,9 dollari.…

18 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia