La Fed da ottobre ridurrà il Quantitative easing | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Fed da ottobre ridurrà il Quantitative easing

La banca centrale americana ha rimandato l'aumento dei tassi di interesse a dicembre, lasciandoli invariati tra l'1% e l'1,25%, ma dal prossimo mese acquisterà meno titoli di Stato
di Redazione

L’outlook economico statunitense, nonostante i progressi, rimane ancora incerto. Per questo, come previsto dal mercato, la presidente della Federal Reserve (la Banca centrale statunitense) Janet Yellen ha deciso di rimandare, probabilmente a dicembre, il terzo rialzo dei tassi d’interesse, che rimangono quindi compresi sui livelli stabiliti a giugno, ovvero tra l’1% e l’1,25%.

Nel corso della conferenza stampa la numero uno della Fed ha inoltre ribadito che la strategia per un allentamento della politica monetaria espansiva rimane a tutt’oggi invariata, quindi non prefissata, ma in evoluzione insieme all’andamento della congiuntura economica del paese.
Tuttavia, la Yellen ha spiegato dell’intenzione di voler procedere con la riduzione di dieci miliardi al mese, a partire da ottobre, della somma destinata agli acquisti di bond. Il taglio del Quantitative easing prenderà quindi il via dal prossimo mese.
Il nodo cruciale della questione rimane l’inflazione. Come nell’Eurozona l’indice dei prezzi al consumo rimane ancora al di sotto dei livelli auspicati. Secondo le stime, infatti, al termine del 2017 l’inflazione statunitense si attesterà all’1,6%, previsione invariata rispetto alle precedenti, mentre quella di fondo è stata rivista al ribasso dal +1,7% al +1,5%. Nel 2018 l’inflazione core dovrebbe attestarsi al 2%.
Per quanto riguarda invece il Pil, la Fed si aspetta una crescita del 2,4% nel 2017 (contro il 2,2% ipotizzato a giugno), del 2,1% nel 2018 (dato invariato) e del +1,9% per l’anno seguente. A giugno le stime per il 2019 indicavano un aumento del Pil del 2%.
Ancora segnali positivi da un mercato del lavoro già di per sé molto in salute: il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi al 4,1% sia il prossimo anno che quello a seguire, mentre a giungo le previsioni indicavano un 4,2%.

 

Scrivi una replica

News

FCA: si è dimesso Alfredo Altavilla

Alfredo Altavilla ha rassegnato le dimissioni dal gruppo FCA.Era il responsabile dell’area Emea. Secondo alcuni rumors avrebbe dovuto sostituire Sergio Marchionne.…

23 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «L’operazione Fs-Anas è sbagliata, va fermata»

Parlando a La7 dell’operazione Fs-Anas, il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, ha detto: «Per me è stata un’operazione sbagliata che bisogna fermare. Le…

23 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Canada: spari contro i passanti a Toronto, tre morti

Un uomo, di cui ancora non è stata diffusa l’identità, ha sparato sulla folla a Toronto, in Canada, uccidendo due persone ferendo altre tredici persone.…

23 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: barile di Wti a 72,98 dollari, Brent a 68,12 dollari

All’avvio degli scambi il barile di petrolio Wti si è attestato a 68,12 dollari, quello di Brent a 72,98 dollari.…

23 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia