Bce: “In Italia i giovani sono poco formati, e questo causa alta disoccupazione” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Bce: “In Italia i giovani sono poco formati, e questo causa alta disoccupazione”

“La segmentazione del mercato del lavoro e una scarsa formazione professionale sono tra i principali motivi dell’elevato tasso di disoccupazione giovanile persistente in diversi Paesi colpiti gravemente dalla recessione come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo”. Lo ha detto Mario Draghi, presidente della Bce, in occasione di un discorso al Trinity College di Dublino, in riferimento al tema della disoccupazione giovanile. Il presidente ha poi sottolineato che “Paesi come Germania e Austria sono riusciti a mantenere bassa la disoccupazione giovanile grazie ad efficaci programmi di formazione professionale e piani mirati ai giovani più svantaggiati”. “In alcuni Paesi sono stati fatti passi avanti per ridurre la disoccupazione giovanile – ha aggiunto Draghi – ma per affrontarne le cause strutturali sono necessarie forme di protezione omogenee tra i lavoratori, accordi di lavoro flessibili, programmi di formazione professionale efficaci, un elevato grado di apertura del commercio e sostegni per ridurre i costi sociali della mobilità”

 

Scrivi una replica

News

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa giurerà venerdì da nuovo presidente

Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, giurerà nel corso della cerimonia che si terrà nella giornata di venerdì 24 novembre.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usura, Confesercenti-Sos Impresa: “Vittime 200.000 imprenditori”

“Durante la recessione, il mercato del credito illegale ‘a strozzo’ ha raggiunto un giro d’affari di circa 24 miliardi e coinvolge circa 200 mila imprenditori…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 57,91 dollari al barile e Brent a 63,23 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 57,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 63,23 dollari…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia