Il rischio di una Serie A livellata verso il basso | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il rischio di una Serie A livellata verso il basso

Campionati a confronto: dopo cinque giornate le ultime tre in classifica fanno complessivamente meno punti di quelli sommati nelle passate stagioni. Troppo ampio il divario con le big e si segnano più gol
di Giacomo Buttaroni

Questa Serie A dopo cinque giornate è sempre più il campionato dei “numeri 9”, ovvero dei cosiddetti “bomber”. Il marcatore più prolifico è Dybala della Juventus con otto reti, seguito da Icardi dell’Inter, Immobile della Lazio e Mertens del Napoli a quota sei reti. Nella passata stagione dopo le stesse partite il capocannoniere era l’attaccante nerazzurro, Mauro Icardi, con sei reti, seguito da Callejon e Bacca a cinque. Mentre nella stagione 2015-2016, il bomber era Eder (all’ora alla Sampdoria), con sei reti, seguito da Higuain (Napoli) e Quagliarella (Torino) a quattro marcature. Oltre ad essere il campionato dei bomber, è anche il campionato della moviola in campo che, fino ad ora non è riuscita a mettere a tacere le chiacchiere sull’onesta degli arbitri nelle decisioni in interventi dubbi. Quasi un vero e proprio “ritorno al futuro”. Per questo viene d’obbligo fare un confronto con le passate stagioni, quando i bomber non registravano numeri così elevati e la tecnologia non era ancora stata introdotta.

Dalla prima giornata di campionato si sono segnati 140 reti, 6 in più rispetto alla passata stagione e ben 22 in più rispetto al campionato 2015-2016, quando furono 118 le reti segnate. Nella stagione in corso il Napoli, che è a punteggio pieno con la Juventus (cosa che non era mai successa prima d’ora dopo cinque giornate) ha il miglior attacco con 19 reti, cinque in più rispetto alla Juve e sei in più rispetto al miglior attacco della passata stagione quando ne furono 13. Rispetto alla stagione 2015-2016 le reti segnate in più sono ben otto. Aumentano anche i punti totali conquistati dalle prime tre in classifica, con Napoli (15), Juventus (15) e Inter (13) che hanno conquistato ben 43 punti totali, mentre nella stagione passata furono 33 i punti totali conquistati da Juventus (12), Napoli (11) e Roma (10), invece nella stagione 2015-2016 le prime tre classificate alla fine della quinta giornata furono Inter (15), Fiorentina (12) e Sassuolo (11), per un totale di 38 punti.

Questi dati confermano come il livello delle prime in classifica sia aumentato, ma c’è da notare – piuttosto – come si sia abbassato quello delle squadre in fondo alla classica. In questa stagione il Benevento, oltre a subire continuamente gol (sono 14 le reti subite), fatica a segnare e a prendere punti. Dopo le cinque giornate i campani hanno segnato solo una volta rimanendo così a zero punti, dato molto inferiore rispetto agli ultimi due anni. La scorsa stagione, a seguito dello stesso lasso di tempo, l’ultima in classifica era il Crotone con un punto conquistato, tre reti fatte e undici subite, mentre due campionati fa l’ultima in classifica era il Frosinone con un punto, due reti fatte e otto subite.

Sono appena 3 i punti conquistati da Verona (2) e Crotone (1), con il Benevento fermo, ovvero le ultime tre in classifica. Nella passata stagione invece, furono 8 i punti conquistati dalle ultime tre, suddivisi tra Empoli (4), Atalanta (3) e Crotone (1). Nel campionato 2015-2016 invece i punti furono 6, con Udinese (3), Carpi (2) e Frosinone (1). Insomma, è ancora presto per tracciare un bilancio, ma per quel poco che si è potuto vedere finora il timore, già espresso da più parti, di assistere ad una Serie A livellata quanto mai verso il basso sembra oggi reale.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia