Come cambiano i flussi migratori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come cambiano i flussi migratori

Secondo l'ISTAT, i nuovi flussi non sempre però danno luogo a una presenza destinata a radicarsi sul territorio italiano
di Redazione

Dice l’ISTAT: “L’Italia attraversa una fase particolarmente delicata dei fenomeni migratori”. Nel diffondere i dati relativi alla popolazione non comunitaria residente nel nostro Paese, però, osserva anche che i nuovi flussi migratori sono diversi da quelli che li hanno preceduti. Ovvero: “Si è passati ormai da diversi anni dall’epoca delle migrazioni per lavoro e – successivamente – per famiglia a quella caratterizzata da nuovi flussi sempre più spesso motivati dalla ricerca di asilo politico e protezione internazionale”.

Secondo l’ISTAT, nel 2016 sono stati rilasciati 226.934 nuovi permessi, in calo rispetto all’anno precedente (-5%). La diminuzione ha (nuovamente) riguardato soprattutto le migrazioni per lavoro – nel 2016 sono state 12.873, pari al 41% in meno su base annua –, “che rappresentano ormai solo il 5,7% dei nuovi permessi”.

Mentre prosegue “la rapida crescita” dei nuovi permessi per motivo di asilo e protezione umanitaria: nel 2016 ne sono stati registrati 77.927 – il dato più alto mai registrato, osserva l’ISTAT –, pari al 34% del totale dei nuovi permessi.

Nigeria, Pakistan e Gambia sono le principali cittadinanze delle persone in cerca di asilo e protezione internazionale; insieme queste tre coprono il 44,8% dei flussi in ingresso per ricerca di asilo e protezione internazionale.

Secondo l’ISTAT, “i nuovi flussi non sempre però danno luogo a una presenza destinata a radicarsi sul territorio”. Ecco un esempio: tra i migranti, che sono arrivati in Italia nel 2012, soltanto il 53,4% è ancora presente sul territorio italiano al 1° gennaio 2017.

Fonte: ISTAT

I cittadini non comunitari regolarmente presenti al 1° gennaio 2017 sono 3.714.137. “Da sempre il mosaico delle nazionalità nel nostro Paese è particolarmente variegato, le prime dieci cittadinanze coprono il 61,6% delle presenze”, si legge nella nota.

Quali sono i Paesi più rappresentati, però? Con 454.817 presenze, il Marocco occupa la prima posizione di questa speciale graduatoria. A seguire Albania (441.838), Cina (318.975), Ucraina (234.066) e Filippine (162.469).

Le prime dieci collettività per numero di presenze registrano tra il 2016 e il 2017 un decremento. La flessione più rilevante interessa quelle di più antico insediamento come il Marocco e l’Albania, che perdono rispettivamente 55.633 e 41.121 permessi.

A cosa dobbiamo questo calo? A spiegarcelo, ancora una volta, è l’ISTAT: nella nota si legge che “la diminuzione è in gran parte riconducibile al crescente numero di acquisizioni di cittadinanza ed è perciò un segnale di stabilizzazione sul territorio”.

 

Scrivi una replica

News

Gentiloni: «Egoismi bloccano il bilancio dell’Europa»

«Confidiamo che il semestre a guida rumena del Consiglio europeo, nei primi sei mesi del 2019, possa dare un contributo a ravvicinare le diverse posizioni,…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Segnali di novità da M5S»

«Sì, ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio». Lo ha detto Matteo Salvini, all’uscita da Palazzo…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Macron-Merkel: «Presto visione comune per l’Europa»

«Entro giugno abbiamo l’obiettivo di presentare una visione comune per l’Europa». Lo ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una conferenza stampa…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «Il saldo dei contratti stabili sale di 15mila unità a febbraio»

«A febbraio i contratti a tempo indeterminato firmati tra nuove assunzioni e trasformazioni di contratti a termine e da apprendistato sono stati oltre 120.000 con…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia