Italia in ritardo, la rivoluzione digitale può attendere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia in ritardo, la rivoluzione digitale può attendere

Dal Digital Economy Outlook 2017 dell'Ocse emergono (ancora una volta) le lacune del nostro paese: pochi investimenti, imprese in affanno, utilizziamo internet meno di quanto avviene in altri paesi
di Redazione

Pochi investimenti, sicuramente meno di quanti se ne fanno in Germania o in Israele: tanto basta a spiegare il ritardo italiano nell’economia digitale. Non a caso secondo la classifica del Digital Economy Outlook 2017 dell’Ocse il nostro paese è agli ultimi posti tra quelli avanzati. Degli investimenti, dicevamo. Ebbene le imprese italiane dedicano alla spesa su ricerca e sviluppo solo lo 0,76% del Pil, contro il 2% delle concorrenti tedesche e il 3,6% delle aziende di Israele, che sono prime davanti a Corea e Giappone. In più le nostre imprese spendono appena il 14% del totale in ICT contro il 75% della Cina Taipei, il 53% della Corea, il 45% di Israele e il 35% degli Stati Uniti.

E non è tutto. Perché l’Italia si colloca al di sotto della media Ocse anche per quanto riguarda le aziende con un sito web. Pure in questo caso, cioè, siamo in ritardo: ne era in possesso il 71% delle imprese italiane nel 2016 (quota che scende al 69% se consideriamo le imprese di piccole dimensioni) quando la media Ocse si attesta al 77%. Per rendere ultriormente l’idea: in Finlandia si arriva al 95% delle imprese con un sito web, in Germania all’89%. Altro ritardo, che potremmo definire atavico: tra i paesi industrializzati, l’Italia occupa le posizioni più basse della classifica Ocse anche nell’utilizzo di internet. Questo perché dalle nostre parti naviga in rete meno del 69% della popolazione, contro la media dell’84% e le percentuali sono inferiori rispetto ad altri paesi pure tra le fasce più giovani della popolazione (il 90% tra i 16-24enni a fronte di oltre il 96% nell’area Ocse). Il divario, quasi inutile starlo a sottolineare, aumenta all’aumentare dell’età: 42% tra i 55-74enni contro il 63% Ocse. Alla luce di questa situazione, per quanto l’e-commerce sia in crescita, nel 2016 solo un italiano su tre ha fatto acquisti online. La media Ocse si attesta invece al 52%, nel Regno Unito è sopra l’80%. In compenso siamo tra le nazioni he ha una maggiore distribuzione (ogni 100 abitanti) di schede sim utili alla diffusione dell’Internet of Things, al fianco di Svezia, Norvegia e Finlandia.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Juncker a Conte: «L’Ue non ha competenza per determinare il porto sicuro»

«L’Italia invoca da tempo, e a ragione, una cooperazione regionale sugli sbarchi». Lo ha scritto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nella lettera inviata…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fraccaro: «Abolita tassa sulla raccolta firme per i referendum, iniziative popolari e petizioni»

«Ho deciso di abolire la “tassa sulla democrazia”. Ho voluto che il mio primo atto ufficiale da ministro fosse quello di cancellare l’imposta di bollo…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Di Maio: «Mai chieste le dimissioni del ministro Tria»

«Mai chieste assolutamente le dimissioni di Tria» da ministro dell’Economia. Lo ha detto il vice premier Luigi Di Maio, replicando a chi, tra i cronisti…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, al-Sarraj: «Contrari alla costruzione di campi d’accoglienza Ue in Libia»

La Libia è «assolutamente contraria» all’ipotesi Ue di costruire nel Paese campi di accoglienza per i migranti illegali che l’UE non intende ospitare. Lo ha…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia