Italia in ritardo, la rivoluzione digitale può attendere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia in ritardo, la rivoluzione digitale può attendere

Dal Digital Economy Outlook 2017 dell'Ocse emergono (ancora una volta) le lacune del nostro paese: pochi investimenti, imprese in affanno, utilizziamo internet meno di quanto avviene in altri paesi
di Redazione

Pochi investimenti, sicuramente meno di quanti se ne fanno in Germania o in Israele: tanto basta a spiegare il ritardo italiano nell’economia digitale. Non a caso secondo la classifica del Digital Economy Outlook 2017 dell’Ocse il nostro paese è agli ultimi posti tra quelli avanzati. Degli investimenti, dicevamo. Ebbene le imprese italiane dedicano alla spesa su ricerca e sviluppo solo lo 0,76% del Pil, contro il 2% delle concorrenti tedesche e il 3,6% delle aziende di Israele, che sono prime davanti a Corea e Giappone. In più le nostre imprese spendono appena il 14% del totale in ICT contro il 75% della Cina Taipei, il 53% della Corea, il 45% di Israele e il 35% degli Stati Uniti.

E non è tutto. Perché l’Italia si colloca al di sotto della media Ocse anche per quanto riguarda le aziende con un sito web. Pure in questo caso, cioè, siamo in ritardo: ne era in possesso il 71% delle imprese italiane nel 2016 (quota che scende al 69% se consideriamo le imprese di piccole dimensioni) quando la media Ocse si attesta al 77%. Per rendere ultriormente l’idea: in Finlandia si arriva al 95% delle imprese con un sito web, in Germania all’89%. Altro ritardo, che potremmo definire atavico: tra i paesi industrializzati, l’Italia occupa le posizioni più basse della classifica Ocse anche nell’utilizzo di internet. Questo perché dalle nostre parti naviga in rete meno del 69% della popolazione, contro la media dell’84% e le percentuali sono inferiori rispetto ad altri paesi pure tra le fasce più giovani della popolazione (il 90% tra i 16-24enni a fronte di oltre il 96% nell’area Ocse). Il divario, quasi inutile starlo a sottolineare, aumenta all’aumentare dell’età: 42% tra i 55-74enni contro il 63% Ocse. Alla luce di questa situazione, per quanto l’e-commerce sia in crescita, nel 2016 solo un italiano su tre ha fatto acquisti online. La media Ocse si attesta invece al 52%, nel Regno Unito è sopra l’80%. In compenso siamo tra le nazioni he ha una maggiore distribuzione (ogni 100 abitanti) di schede sim utili alla diffusione dell’Internet of Things, al fianco di Svezia, Norvegia e Finlandia.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia