Brexit, la trattativa tra Ue e Regno Unito non si sblocca | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit, la trattativa tra Ue e Regno Unito non si sblocca

La premier britannica, Theresa May, ha assicurato comunque che il suo governo sta lavorando per trovare un accordo con l'Unione europea
di Mirko Spadoni

Michel Barnier è l’uomo scelto come capo negoziatore dell’Unione europea nelle trattative con il Regno Unito per la Brexit e sostiene che i negoziati sono in una fase di “impasse”. “Il discorso di Firenze di Theresa May aveva dato uno slancio di cui c’era veramente bisogno, ma nonostante questo non abbiamo fatto grandi passi in avanti”, ha sottolineato al termine del quinto round negoziale. “Non sono ancora in grado di proporre al Consiglio europeo la prossima settimana di aprire le discussioni sul futuro”, ha concluso.

Le due parti coinvolte non riescono a trovare un’intesa su molti punti: Barnier ha spiegato che la delegazione britannica “non è in grado di precisare impegni sugli aspetti finanziari”. A ciò il negoziatore incaricato da Londra, David Davis, ha replicato che il governo britannico che “gli impegni specifici” sui conti da saldare verranno affrontati successivamente, nel corso delle trattative. Trattative che hanno una scadenza (29 marzo 2019) da rispettare, anche se potrebbe non essere facile: negoziati così complessi spesso durano diversi anni.

Mercoledì la premier britannica, Theresa May, ha assicurato comunque che il suo governo sta lavorando per trovare un accordo con l’Unione europea. Superare la scadenza senza averne trovato uno potrebbe rappresentare un rischio enorme per Londra: il Regno Unito si troverebbe senza accordi commerciali e di scambio con il suo principale partner economico.

Il governo britannico potrebbe trovare una soluzione alternativa, però: il quotidiano Telegraph scrive che il Regno Unito potrebbe aderire al Nafta – l’accordo di libero scambio nord-americano tra Stati Uniti, Canada e Messico – e che, tra le altre cose, il presidente americano Donald J.Trump intende rinegoziare (mercoledì l’inquilino della Casa Bianca ha incontrato il premier canadese, Justin Trudeau, a Washington, proprio per discuterne). Fantapolitica? Forse. Fatto sta che il governo britannico sta affrontando delle difficoltà (probabilmente) inaspettate prima del referendum sulla Brexit.

Nel frattempo Eba, Esma ed Eiopa – le tre autorità europee incaricate di supervisionare banche, mercati e assicurazioni – si preparano al peggio. Come? “Aumentando gli sforzi” per “identificare i rischi potenziali alla stabilità finanziaria in particolare nel caso in cui i negoziati dovessero terminare in modo disordinato” senza un accordo tra Bruxelles e Londra.

 

Scrivi una replica

News

Istat: “Calano le partecipate Pa ma impiegati aumentano del 4,3%”

“Nel 2015 le unità economiche partecipate dal settore pubblico sono 9.655 ed impiegano 882.012 addetti. Rispetto al 2014 sono meno numerose (-2,1%) ma con più…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, 859 arresti per terrorismo nell’ultima settimana

Sono stati 859 gli arresti con accuse di “terrorismo” nell’ultima settimana in Turchia. È quanto emerge nel bollettino del ministero degli Interni. La maggior parte…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Argentina, Macri vince le elezioni

Le elezioni legislativi parziali in Argentina hanno visto trionfare Mauricio Macri, che supera l’ex presidente Cristina Kirchner. Il “macrismo” si è imposto in 14 distretti…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Abe: “Mi occuperò della Corea del Nord”

“Come avevo promesso durante la campagna elettorale, il mio compito è di occuparmi fortemente della Corea del Nord, e per questo c’è bisogno di una…

23 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia