Misery Index in lieve aumento a settembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Misery Index in lieve aumento a settembre

Secondo la Confcommercio, nonostante “un quadro congiunturale sostanzialmente positivo, l’area del disagio sociale risulta ancora molto ampia”
di Redazione

A settembre l’indice della Confcommercio che misura il disagio sociale del Paese ha registrato un nuovo aumento, annullando, di fatto, il calo registrato il mese precedente. Come spiegato dalla Confederazione il lieve aumento registrato è il risultato di un aumento dei prezzi di beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto, solo in parte limitato dalla diminuzione della disoccupazione.

Il MIC (Misery Index di Confcommercio) è infatti calcolato tenendo conto del tasso di disoccupazione esteso e della variazione dei prezzi dei beni e dei servizi acquistati in alta frequenza. Il primo parametro contempla sia le forze di lavoro potenziali che i cassintegrati equivalenti a zero ore, mentre il secondo è rappresentato dall’inflazione di quei prodotti che dovrebbero influenzare in modo più diretto la percezione dell’inflazione da parte delle famiglie.
Tornando ai dati, a settembre il MIC è salito a 18,5 punti dai 18,3 del mese precedente, riflettendo, appunto, l’aumento dei prezzi al consumo di beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto, al +1,3% dal +1% di agosto, e il calo della disoccupazione estesa, passata a 13,8 punti dai 13,9 della rilevazione precedente (11,1% il tasso di disoccupazione ufficiale rilevato a settembre dall’Istat).
Quello dell’indice generale è un andamento in controtendenza se si osservano i vari indicatori economici del Paese. La stessa Confcommercio spiega, infatti, che “nel complesso del terzo trimestre, l’indicatore ha mostrato una riduzione, in termini congiunturali, pari a mezzo punto. Ciò nonostante l’area del disagio sociale risulta ancora molto ampia e rappresenta una criticità all’interno di un quadro congiunturale sostanzialmente positivo. Nonostante i progressi rilevati dal lato dell’occupazione, tornata sui valori pre-crisi, il numero di disoccupati continua ad attestarsi su di un livello di poco inferiore ai 3 milioni”.
In effetti, nonostante i progressi messi a segno, per esempio, rispetto al 2013 (quando in media l’indice si è attestato a 21,1 punti toccando il valore più alto degli ultimi anni) abbiano comportato una diminuzione del Mic di quasi quattro puntil’indice si presenta ancora molto lontano dai livelli pre-crisi: si attestava a 12,1 punti nel 2007.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia