Immatricolazioni europee di nuovo in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Immatricolazioni europee di nuovo in crescita

L’Italia è il paese che nell’arco dei primi dieci mesi dell’anno ha registrato l’aumento complessivo maggiore (+8,9%). Male il Regno Unito (-4,6%).
di Redazione

Dopo la diminuzione del 2% registrata a settembre, il mese scorso il mercato europeo delle auto è tornato a crescere, registrando un aumento del 5,9% (+67 mila unità) rispetto allo stesso mese del 2016. In totale le immatricolazioni sono state 1.169.672.
Un trend positivo, a parte qualche parentesi, che ha comportato un aumento anche del risultato complessivo dei primi dieci mesi: +3,8% a 13.234.599 unità immatricolate, contro le 12.748.516 auto registrate durante lo stesso arco di tempo di un anno fa.

Osservando l’andamento dei 5 Major Markets (Regno Unito, Spagna, Francia, Italia e Germania), si nota come sia il nostro Paese quello a riportate il risultato migliore. Tra gennaio e ottobre le immatricolazioni italiane sono aumentate dell’8,9%, a fronte del 7,3% della Spagna, del +4,8% della Francia, del +2,3% della Germania e del calo del 4,6% registrato nel Regno Unito.
In particolare in Gran Bretagna si è registrato il settimo calo mensile consecutivo (12,2%), a frenare le immatricolazioni totali sono state soprattutto le vendite di vetture diesel, per le quali si registra un -30%, bilanciato solo minimamente dal +2,7% che ha interessato le vetture alimentate a benzine.
In Germania, invece, nel mese di ottobre le immatricolazioni di autovetture nuove sono state 272.855, il 3,9% in più rispetto alle 262.724 dello stesso mese del 2016. Le autovetture diesel vendute sono calate del 17,9% , contro il +18,8% della benzina. Bene le elettriche, +86,8%, e le ibride, +67,8%.
Sempre a ottobre in Francia si sono registrate 176.492 immatricolazioni di autovetture nuove, il 13,7% in più rispetto alle 155.194 dell’ottobre 2016. Anche in Spagna la crescita è stata del 13,7%, risultato che ha fatto raggiungere le 94.676 immatricolazioni contro le 83.248 unità dello stesso mese dello scorso anno.
Per quanto riguarda il nostro Paese, l’Unrae spiega che “nonostante i buoni risultati, l’Italia è alle prese con un rinnovamento del parco circolante che procede ancora troppo lentamente. Secondo un’analisi la velocità di uscita dal parco delle vetture più vecchie è troppo lenta: 32 anni per smaltire tutte le vetture ante Direttiva Euro, 25 anni per eliminare tutte le Euro 1 e 10 anni per le Euro 2”.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia