La violenza sulle donne nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

La violenza sulle donne nell’UE

Nel 2015 nell'Unione europea i reati di violenza sessuale registrati dalla polizia sono stati circa 215 mila, di cui quasi 80 mila stupri
di Redazione

L’Eurostat, l’istituto di statistica dell’Unione europea, ha diffuso in vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (che si celebra il 25 novembre) dei dati, aggiornati al 2015, sui crimini di violenza sessuale registrati dalla polizia dell’UE. I reati sarebbero stati circa 215.000, di cui un terzo di questi (quasi 80 mila) risultano essere stati stupri. Il trend delle vittime da un lato e quello di chi ha avuto una condotta criminale dall’altro, va a senso unico. Infatti più di nove vittime su dieci di stupro e più di otto vittime su dieci di reati violenti erano ragazze e donne, mentre quasi tutti quelli imprigionati per tali crimini erano di sesso maschile (99%). In termini assoluti, la polizia in Inghilterra e Galles ha registrato il maggior numero di violenze sessuali (64.500, di cui 35.800 stupri – 55%), seguite a distanza dalla Germania (34.300, di cui 7.000 stupri – 20%), Francia (32.900, di cui 13.000 stupri – 40%) e Svezia (17.300, di cui 5.500 stupri – 33%).

Rispetto alla popolazione di ciascuno Stato membro, precisa infine l’Eurostat, la Svezia ha registrato il numero più alto, con 178 reati di violenza sessuale per 100.000 abitanti, davanti a Scozia (163), Irlanda del Nord (156), Inghilterra e Galles (113) e Belgio (91). Per gli stupri, i tassi più alti sono stati registrati in Inghilterra e Galles (62 stupri per 100.000 abitanti) e in Svezia (57). L’Eurostat, però, precisa anche che le cifre non riflettono necessariamente il numero effettivo di reati di violenza sessuale, ma mostrano fino a che punto questi crimini vengono segnalati e registrati dalla polizia. Per questo motivo la variazione tra i paesi è anche influenzata dalla consapevolezza generale e dall’atteggiamento nei confronti delle violenze sessuali. In altre parole i dati possono essere parziali riferendosi solo alle denunce e all’emerso.

(fonte: Eurostat)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia