La violenza sulle donne nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

La violenza sulle donne nell’UE

Nel 2015 nell'Unione europea i reati di violenza sessuale registrati dalla polizia sono stati circa 215 mila, di cui quasi 80 mila stupri
di Redazione

L’Eurostat, l’istituto di statistica dell’Unione europea, ha diffuso in vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (che si celebra il 25 novembre) dei dati, aggiornati al 2015, sui crimini di violenza sessuale registrati dalla polizia dell’UE. I reati sarebbero stati circa 215.000, di cui un terzo di questi (quasi 80 mila) risultano essere stati stupri. Il trend delle vittime da un lato e quello di chi ha avuto una condotta criminale dall’altro, va a senso unico. Infatti più di nove vittime su dieci di stupro e più di otto vittime su dieci di reati violenti erano ragazze e donne, mentre quasi tutti quelli imprigionati per tali crimini erano di sesso maschile (99%). In termini assoluti, la polizia in Inghilterra e Galles ha registrato il maggior numero di violenze sessuali (64.500, di cui 35.800 stupri – 55%), seguite a distanza dalla Germania (34.300, di cui 7.000 stupri – 20%), Francia (32.900, di cui 13.000 stupri – 40%) e Svezia (17.300, di cui 5.500 stupri – 33%).

Rispetto alla popolazione di ciascuno Stato membro, precisa infine l’Eurostat, la Svezia ha registrato il numero più alto, con 178 reati di violenza sessuale per 100.000 abitanti, davanti a Scozia (163), Irlanda del Nord (156), Inghilterra e Galles (113) e Belgio (91). Per gli stupri, i tassi più alti sono stati registrati in Inghilterra e Galles (62 stupri per 100.000 abitanti) e in Svezia (57). L’Eurostat, però, precisa anche che le cifre non riflettono necessariamente il numero effettivo di reati di violenza sessuale, ma mostrano fino a che punto questi crimini vengono segnalati e registrati dalla polizia. Per questo motivo la variazione tra i paesi è anche influenzata dalla consapevolezza generale e dall’atteggiamento nei confronti delle violenze sessuali. In altre parole i dati possono essere parziali riferendosi solo alle denunce e all’emerso.

(fonte: Eurostat)

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia