Lavoro: disoccupazione stabile a ottobre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: disoccupazione stabile a ottobre

Su base annua si conferma l’aumento degli occupati, in entrambe le componenti di genere. La crescita si concentra tra i lavoratori dipendenti, mentre diminuiscono gli indipendenti. I dati Istat
di Redazione

Disoccupazione stabile a ottobre, mentre il numero degli occupati è in aumento sull’anno e stabile sul mese precedente. Questo, in sintesi, l’andamento del mercato del lavoro fotografato dall’Istat. Il tasso di occupazione dei 15-64enni rimane invariato al 58,1%, precisa l’Istat. La stabilità dell’occupazione nell’ultimo mese – spiega l’Istituto nazionale di statistica – è frutto di un calo tra i 25-49enni e di un aumento tra gli ultracinquantenni. L’occupazione è stabile per entrambe le componenti di genere. Risultano in aumento i dipendenti a tempo determinato, stabili i permanenti, in calo gli indipendenti. Nel periodo agosto-ottobre si registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,3%, +73 mila) che interessa uomini e donne e si concentra soprattutto tra gli over50, in misura più lieve anche tra i 15-34enni, mentre i 35-49enni sono ancora in calo. L’aumento è determinato esclusivamente dai dipendenti a termine, mentre calano i permanenti e gli indipendenti. La stima delle persone in cerca di occupazione a ottobre diminuisce ancora lievemente (-0,1%, -4 mila) per il terzo mese consecutivo. La diminuzione della disoccupazione è determinata dalla componente femminile e, per quanto riguarda l’età, dai 15-24enni e dagli over 50, mentre si osserva un aumento tra gli uomini e i 25-49enni. Il tasso di disoccupazione si attesta all’11,1%, invariato rispetto a settembre, mentre quello giovanile cala al 34,7% (-0,7 punti percentuali).

La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni rimane sostanzialmente invariata. La stabilità è frutto di un calo tra gli uomini e nelle classi di età centrali comprese tra 25 e 49 anni, a fronte di un aumento tra le donne, i giovani di 15-24 anni e gli over 50. Il tasso di inattività rimane invariato al 34,5%. Nel trimestre agosto-ottobre, rispetto ai tre mesi precedenti, alla crescita degli occupati si accompagna il calo dei disoccupati (-1,1%, -33 mila) e degli inattivi (-0,4%, -56 mila). Su base annua si conferma l’aumento degli occupati (+1,1%, +246 mila) che riguarda sia gli uomini sia le donne. La crescita si concentra tra i lavoratori dipendenti (+387 mila, di cui +347 mila a termine e +39 mila permanenti), mentre calano gli indipendenti (-140 mila). In valori assoluti ad aumentare sono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+340 mila) ma registrano una crescita più lieve anche i 15-34enni (+29 mila), mentre calano i 35-49enni (-123 mila). Nello stesso periodo diminuiscono sia i disoccupati (-4,6%, -140 mila) sia gli inattivi (-1,4%, -183 mila). Al netto dell’effetto della componente demografica, aggiunge l’Istat, su base annua cresce l’incidenza degli occupati sulla popolazione in tutte le classi di età.

DIFFERENZE DI GENERE
A ottobre 2017 il numero di occupati è sostanzialmente stabile sia per la componente maschile sia per quella femminile. Il tasso di occupazione dei 15-64enni sale al 67,3% per gli uomini (+0,1 punti percentuali), mentre rimane invariato al 49,0% per le donne. Il calo della disoccupazione nell’ultimo mese è trainato dalla componente femminile (-1,2%), mentre si registra un aumento per quella maschile (+0,9%). Il tasso di disoccupazione maschile sale al 10,3 (+0,1 punti percentuali), mentre quello femminile scende al 12,2% (-0,1 punti). La sostanziale stabilità su base mensile degli inattivi tra i 15 e i 64 anni è frutto di un calo per gli uomini (-0,4%) e di un aumento per le donne (+0,2%). Il tasso di inattività maschile scende al 24,8% (-0,1 punti percentuali), quello femminile sale al 44,1% (+0,1 punti).

LA PARTECIPAZIONE AL MERCATO DEL LAVORO PER CLASSI DI ETÀ
A ottobre 2017 il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 34,7%, in calo di 0,7 punti percentuali rispetto al mese precedente. L’Istat ricorda sempre che dal calcolo del tasso di disoccupazione sono per definizione esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi. L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è invece pari al 9,0% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato), in calo di 0,3 punti rispetto a settembre. Il tasso di occupazione dei 15-24enni rimane invariato, mentre quello di inattività cresce di 0,2 punti. Guardando alle altre classi di età, il tasso di occupazione nell’ultimo mese rimane stabile tra i 25-34enni, cala tra i 35-49enni (-0,1 punti percentuali) e cresce tra gli over 50 (+0,3 punti). Il tasso di disoccupazione cresce di 0,2 punti tra i 25-49enni mentre cala tra gli ultracinquantenni (-0,4 punti). Il tasso di inattività cala tra i 25-34enni (-0,2 punti), mentre rimane stabile tra gli over35.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia