Il “boom” dell’occupazione a termine | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il “boom” dell’occupazione a termine

L’aumento degli occupati continua a riguardare soltanto i dipendenti, ma in oltre otto casi su dieci a termine. Prosegue la diminuzione degli indipendenti
di Redazione

Il dato più alto dal 1992: cresce l’occupazione, sì, ma in quota nettamente superiore quella a termine. Sono 2 milioni e 784 mila i dipendenti che rientrano in questa categoria, per l’esattezza. A renderlo noto l’Istat nel report dedicato al mercato del lavoro nel terzo trimestre 2017. Nel periodo considerato, spiega l’Istituto nazionale di statistica, prosegue la crescita tendenziale del numero di occupati (+1,3%, 303 mila in un anno) con il tasso di occupazione delle persone di 15-64 anni che sale al 58,4% (+0,8 punti). L’aumento degli occupati continua a riguardare soltanto i dipendenti, in oltre otto casi su dieci a termine, mentre prosegue la diminuzione degli indipendenti. L’incremento degli occupati a tempo pieno, per il dodicesimo trimestre consecutivo, si affianca alla crescita del tempo parziale ininterrotta dal 2010; l’aumento del tempo parziale è ancora sostenuto da quello di tipo volontario, cosicché l’incidenza del part time involontario scende al 61,1% dei lavoratori a tempo parziale (-0,5 punti) e all’11,3% del totale occupati (-0,1 punti).

Sulla base dei dati di flusso, si stima un aumento della quota di disoccupati che, a distanza di 12 mesi, transita verso l’occupazione (dal 24,7% tra il terzo trimestre 2015 e il terzo trimestre 2016 al 25,4% nell’analogo periodo tra il 2016 e il 2017), soprattutto per i giovani, gli individui con elevato livello di istruzione, e i residenti nel Nord; crescono anche i casi di transizione dall’inattività verso la disoccupazione (+0,4 punti), in particolare per le forze di lavoro potenziali (+1,5 punti percentuali). Per il secondo trimestre consecutivo continua la diminuzione del numero di disoccupati la cui stima scende a 2 milioni 737 mila unità (-71 mila in un anno, -2,5%); il calo è concentrato tra gli ex-occupati, ossia tra chi aveva un’occupazione. Il tasso di disoccupazione cala al 10,6% con una riduzione di 0,4 punti che coinvolge di più gli uomini e soprattutto il Mezzogiorno e i giovani.

Nel terzo trimestre 2017 si stima a 1 milione 599 mila il numero di persone in cerca di occupazione da almeno 12 mesi (-6 mila, -0,4%); l’incidenza di questo gruppo sul totale disoccupati sale al 58,4% (+1,2 punti in un anno) a ragione della diminuzione più intensa del numero di disoccupati di breve durata (-5,1%).

Nel terzo trimestre 2017 si è molto accentuata la riduzione degli inattivi di 15-64 anni (-300 mila in un anno) e del corrispondente tasso di inattività (-0,6 punti). Il calo dell’inattività riguarda entrambe le componenti di genere, tutte le ripartizioni e le diverse classi di età; la diminuzione coinvolge soprattutto le forze di lavoro potenziali (-264 mila, -7,5%) e in lieve misura anche gli inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili (-36 mila, -0,4%). Dai dati di flusso, per le forze di lavoro potenziali è aumentata la percentuale di quanti transitano verso la disoccupazione (dal 18,3% al 19,9% nei dodici mesi).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia