I libri tra i regali più gettonati a Natale. Ma i lettori “forti” sono pochi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I libri tra i regali più gettonati a Natale. Ma i lettori “forti” sono pochi

Successo di pubblico alla fiera "Più libri più liberi", a Roma. Eppure il numero di chi legge libri in Italia resta piuttosto basso
di Silvia Capone

È stata definita la fiera dei record, la 16esima edizione di Più libri più liberi, la fiera della piccola e media editoria che si è tenuta a Roma. Si sono registrate oltre 100 mila presenze e il tutto esaurito per la maggior parte degli incontri organizzati, grazie anche al cambio di location, la Nuvola di Fuksas che ha contribuito ad incrementare i visitatori, raddoppiati rispetto all’edizione dello scorso anno. La fiera, organizzata dall’Associazione Italiana Editori, ha riscontrato un notevole successo anche sui social, i video pubblicati sulla pagina hanno totalizzato più di 193 mila visualizzazioni. I post Facebook hanno raggiunto più di 4 milioni di utenti, i tweet sono stati visti da 156.259 persone e gli aggiornamenti tramite Instagram hanno superato gli 8 mila like. L’affluenza ha comportato un maggior flusso di vendite a testimonianza di quanto la piccola e media editoria sia importante per il settore intero, infatti pesa su questo per un libro su tre e nel solo 2017, secondo i dati elaborati da Nielsen per l’Associazione, il suo mercato risulta in crescita per il terzo anno. In particolar modo il 2017 registra in positivo l’internazionalizzazione della piccola editoria, i libri venduti sono cresciuti di oltre il 31%.

In generale il settore editoriale appare senza tempo, una ricerca condotta dall’Unione Nazionale Consumatori, su dati Istat, stilando una classifica delle vendite natalizie 2017, prevede che i libri saranno in quarta posizione, prima di smartphone e computer. Il trend coinvolge anche le biblioteche, che registrano un incremento di visitatori rispetto al 2016, e librerie che per gli italiani sono ancora il luogo privilegiato dove cercare un libro. Infatti i dati AIE confermano che otto italiani su dieci preferiscono comprare in negozio a prescindere dall’età del lettore. Le librerie scelte sono nel 57% dei casi quelle di catena nelle grandi città, quelle situate nelle gallerie dei centri commerciali per il 21%. Le librerie indipendenti, nonostante siano maggiormente ricercate, sono scelte dal 16% dei lettori, ed infine quelle che trattano anche l’usato dal 17%. Nonostante ciò i dati dell’Istat relativi al 2016 non mostrano una situazione positiva, nell’anno considerato il 57,6% della popolazione con più di sei anni non ha letto un libro di carta nei dodici mesi precedenti. Coloro che non leggono sono soprattutto uomini, 64,5%, con un basso livello di istruzione, in prevalenza del Sud Italia, 69,2% dei casi. Ad influire sulle percentuali anche la fascia d’età, tra gli 11 e i 14 anni non leggono il 46,8% dei ragazzi, quota che aumenta al 61% tra i 65-74enni, fino al 73,5% per coloro che hanno 75 anni e più. Al contrario l’indagine fa emergere che i lettori detti “forti”, ovvero coloro che hanno letto almeno un libro al mese, sono la parte minore, solo il 5,7%.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia