Export in crescita in tutte le aree del Paese, ma non al Sud | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in crescita in tutte le aree del Paese, ma non al Sud

Tra gennaio e settembre 2017 le vendite verso l’estero delle regioni meridionali sono diminuite dello 0,1%, contro il +33,8% delle Isole, il +8,2% del Centro, il +8% del Nord-Ovest e il +5,5% del Nord-Est.
di Redazione

Tra gennaio e settembre 2017 le esportazioni italiane hanno registrato un crescita del 7,3% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Un aumento che ha giovato in particolar modo delle performance che hanno interessato le vendite delle regioni insulari e del Centro Italia, cresciute rispettivamente del 33,8% e del 8,2% nell’arco dei tre trimestri.

Ciò non vuol dire però che le altre aree siano andate tanto peggio. Le esportazioni delle regioni nord-occidentali hanno infatti riportato un incremento dell’8%, mentre le vendite dell’area nord-orientale un +5,5%. Solo per le regioni meridionali si registrata una frenata: -0,1%.
Osservando ancora più da vicino i dati dell’Istat, emerge che le regioni che hanno contribuito maggiormente al risultato nazionale messo a segno tra gennaio e settembre sono la Lombardia, dove l’Istat ha rilevato un +7,3%; il Piemonte, con un +8,9%; il Lazio, +17,7%; l’Emilia-Romagna, +5,8%; e il Veneto, con un +5,1%. Al contrario, la Basilicata (-16,4%) e il Molise (-30,4%) hanno fornito un contributo negativo.
Nel resoconto l’Istituto spiega poi che nei primi nove mesi del 2017 un contributo alla crescita pari a 1,6 punti percentuali è giunto dall’aumento delle vendite di autoveicoli dal Lazio, di prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia, di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici e di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti dalla Lombardia. Mentre l’incremento dell’export di macchine e apparecchi n.c.a. da Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte hanno contribuito per un altro 0,8%.
Per quanto riguarda invece le aree di destinazione, dall’analisi emerge come un notevole impatto sull’export nazionale sia arrivato dalle vendite di Lombardia e Lazio verso gli Stati Uniti, da quelle del Piemonte verso la Cina e da quelle della Lombardia verso la Germania.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia