I risultati delle elezioni per il Parlamento catalano | T-Mag | il magazine di Tecnè

I risultati delle elezioni per il Parlamento catalano

Il fronte indipendentista ha conquistato la maggioranza dei seggi, ma lo scenario è tutt'altro che certo
di Redazione

Probabilmente il premier spagnolo, Mariano Rajoy, sperava in altro. I risultati delle elezioni in Catalogna – ieri erano chiamate alle urne oltre 5 milioni di persone per rinnovare i membri del Parlamento catalano – sono tutt’altro che soddisfacenti per Madrid. “La formula di Rajoy è fallita, non ci siamo fatti intimorire, abbiamo votato per l’indipendenza”, ha commentato il deposto presidente catalano, Carles Puigdemont.

Il fronte degli indipendentisti – termine che indica uno schieramento piuttosto variegato, in quanto include forze di centrodestra, sinistra e estrema sinistra – è riuscito ad ottenere il 47,49% delle preferenze, conquistando 70 seggi sui 135 disponibili. Ovvero due seggi in più rispetto a quelli per controllare il Parlamento. Paradossalmente il partito degli unionisti, Ciutadans, è quello che ha ricevuto il maggior numero di voti (25,37%) e automaticamente di seggi (37).
La formazione politica di Rajoy, il Partito popolare, ha ottenuto la metà dei consensi che aveva conquistato nelle elezioni del 2015: è passato da 350mila voti del 2015, pari a 11 seggi, a 185mila voti di ieri, pari a 3 seggi.
Dopo aver sciolto il Parlamento catalano e indetto nuove elezioni, Rajoy sperava sicuramente in altro e adesso si trova nuovamente a gestire una situazione tutt’altro che facile. Il futuro è incerto: i leader dei partiti indipendentisti catalani sono agli arresti o in esilio, come nel caso del deposto presidente catalano, Carles Puigdemont, che si trova a Bruxelles, in Belgio, e non intende tornare in Spagna, dove è accusato di sedizione e ribellione, reati che prevedono fino a 30 anni di reclusione. Il leader indipendentista si è detto comunque “disponibile” ad incontrare il premier spagnolo “a Bruxelles o altrove”. Non è comunque chiara quale potrebbe essere la composizione del nuovo governo né tantomeno chi sarà il suo presidente.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Rivista al ribasso la crescita prevista per il 2019: possibile recessione tecnica»

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto».…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banca Carige, la Commissione europea ha approvato il piano del governo per garantire i bond

Lo schema elaborato dal governo, per garantire i bond emessi da Banca Carige e per aiutarlo a raccogliere i fondi di cui necessita, è stato…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2019, rese note le materie per la prova multidisciplinare

Nella seconda prova scritta della maturità 2019, debutta la prova multidisciplinare: al liceo classico sono previsti, infatti, Latino e Greco; Matematica e Fisica allo Scientifico.…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Giusto riflettere sull’austerità»

Le recenti dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, sull’eccessiva austerità negli anni della crisi del debito nell’Eurozona «hanno stimolato alcune riflessioni che…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia