Come è cambiata la criminalità in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come è cambiata la criminalità in Italia

Dal 2007 quasi tutti i reati più comuni (furti, rapine…) e gli omicidi sono diminuiti mentre sono cresciute le truffe (informatiche e non) e ci sono stati pochi miglioramenti sul fronte dei reati a sfondo sessuale
di Mirko Spadoni

Quanto affermato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni – «I reati sono diminuiti», ha osservato il premier – corrisponde a verità. I dati certificano che tra il 2007 e il 2016 il numero dei delitti denunciati dalle forze di polizia all’autorità giudiziaria è diminuito di quasi mezzo milione, passando da 2,933 milioni a 2,487 milioni. Ovviamente ci sono dei distinguo da fare.

Secondo l’ISTAT, quasi tutte le voci legate ai reati più comuni sono diminuite – ad esempio, i furti sono passati da 1,6 a 1,3 milioni, ma sono aumentati quelli nelle abitazioni, giù le rapine, da 52 a 32 mila – così come gli omicidi, che risultano in calo, da 627 a 400. Mentre sono aumentati i reati, per così dire “nuovi” (le truffe e le frodi informatiche), e i borseggi: nel 2016 sono stati denunciati 162.154 borseggi, con un’incidenza media nazionale di 2,7 borseggi ogni 1.000 abitanti e un aumento del 31% dal 2008. Pochi, invece, i miglioramenti sul fronte dei reati a sfondo sessuale: le violenze sono tornate ad aumentare nel 2016 e le denunce di atti sessuali con minori sono rimaste stabili. Purtroppo.

Nel 51° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, il Censis osserva che nel 2016 il maggior numero di reati denunciati è stato registrato nei grandi centri urbani. In ordine: Milano, Roma, Torino e Napoli. Mentre, se si considera il “peso” della criminalità sul territorio – ovvero l’incidenza dei reati sulla popolazione – al primo posto rimane Milano, con 7,4 reati ogni 100 abitanti, seguita da Rimini (7,2), Bologna (6,6) e Torino (6,0).

«Nonostante questi risultati, l’impegno, le statistiche, sappiamo che la domanda di sicurezza non diminuisce», ha osservato il premier. Secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio europeo sulla sicurezza, la criminalità è la terza preoccupazione degli italiani, dopo i pericoli globali (terrorismo e disastri naturali) e le incertezze economiche. Nello specifico, è cresciuta la quota di quanti temono un furto in casa, passata dal 23% del 2007 al 29% del 2016 (in questo spazio di tempo, effettivamente, i furti nelle case sono cresciuti).

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, nel terzo trimestre occupazione nell’area Ocse in crescita al 68,4%

Nel terzo trimestre 2018, l’occupazione nell’area OCSE si è attestata al 68,4%, in crescita di 0,1 punti percentuali. Lo rende noto l’OCSE, l’Organizzazione per la…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà il Piano B sulla Brexit

Il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà l’ipotetico piano B sulla Brexit che il governo Tory di Theresa May sta cercando di definire. Lo…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, a dicembre 2018 inflazione in calo all’1,6%

Nell’Eurozona, a dicembre 2018, l’inflazione è scesa all’1,6%, dall’1,9% registrato a novembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, attraverso la diffusione di un…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, Bruxelles: «Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile»

Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile» dopo che martedì Westminster ha bocciato l’intesa. Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas.…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia