Case: prezzi in calo in Europa, ma non in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Case: prezzi in calo in Europa, ma non in Italia

A sottolinearlo sono diversi studi, uno dei quali è stato condotto dall'Osservatorio di immobiliare.it sul mercato residenziale italiano
di Redazione

Il dato italiano – nonostante l’aumento delle compravendite, i prezzi delle abitazioni stentano a ripartire – è in controtendenza rispetto al resto d’Europa. Nel 2018 potrebbe verificarsi qualche (piccolo) cambiamento, però.

Il caso italiano è unico nel panorama europeo. A sottolinearlo sono diversi studi – proprio oggi l’Eurostat ne ha pubblicato uno che conferma quanto scritto –, uno dei quali è stato condotto dall’Osservatorio di immobiliare.it sul mercato residenziale italiano. Ecco con quali risultati.

A dicembre 2017, rilevano gli analisti di immobiliare.it, il prezzo medio degli immobili in vendita in Italia è diminuito dello 0,5% su base annua, scendendo a 1.898 euro al metro quadro. Si tratta di una media, ovviamente. Analizzando comune per comune – lo studio ne ha considerati oltre ottomila –, emergono realtà molto diverse.

Milano è l’unica grande metropoli dove i prezzi sono in aumento, ad esempio: nel capoluogo lombardo, nel 2017, l’acquisto di una casa ha richiesto mediamente una spesa di 3.236 euro al metro quadro (+0,6% rispetto al 2016). Discorso opposto per Roma e Napoli.

Nel 2017 un metro quadro nella capitale è costato 3.231 euro mentre nel capoluogo campano ne sono serviti 2.644, in calo rispettivamente del 2,9% e del 2,2% rispetto all’anno precedente.

Quali sono i motivi? Nomisma sostiene che sono tre: un avvio di ripresa molto lento, dell’eccesso di offerta non ancora smaltito e del fatto che, anche durante la crisi economica, i venditori hanno mantenuto le valutazioni degli immobili a livelli insostenibili per il quadro economico e la situazione del settore.

Nel 2018 le cose potrebbero cambiare. L’Ufficio studi del gruppo Tecnocasa prevede un lieve aumento dei valori nel settore immobiliare nazionale compreso tra 0 e +2% e un aumento delle compravendite stimato tra il +2% e il +4%. Secondo il report, le compravendite realizzate nell’ultimo anno sono state circa 550mila.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, nel terzo trimestre occupazione nell’area Ocse in crescita al 68,4%

Nel terzo trimestre 2018, l’occupazione nell’area OCSE si è attestata al 68,4%, in crescita di 0,1 punti percentuali. Lo rende noto l’OCSE, l’Organizzazione per la…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà il Piano B sulla Brexit

Il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà l’ipotetico piano B sulla Brexit che il governo Tory di Theresa May sta cercando di definire. Lo…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, a dicembre 2018 inflazione in calo all’1,6%

Nell’Eurozona, a dicembre 2018, l’inflazione è scesa all’1,6%, dall’1,9% registrato a novembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, attraverso la diffusione di un…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, Bruxelles: «Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile»

Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile» dopo che martedì Westminster ha bocciato l’intesa. Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas.…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia