Il Rapporto Tecnè-FDV: «Un Paese spaccato in due» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Rapporto Tecnè-FDV: «Un Paese spaccato in due»

Permangono grandi e profonde differenze tra nord e mezzogiorno. Cala la fiducia su una prospettiva economica migliore per l’Italia e per la propria famiglia, così il “Rapporto 2017 sulla qualità dello sviluppo in Italia” realizzato da Tecnè e dalla Fondazione Di Vittorio
di Redazione

Nonostante la crescita economica registrata dal Pil e il miglioramento dei livelli occupazionali (in larga prevalenza, però, generati da contratti a tempo determinato) la qualità dello sviluppo del Paese non cresce, fermandosi agli stessi livelli dello scorso anno. È quanto emerge dal “Rapporto 2017 sulla qualità dello sviluppo in Italia” realizzato da Tecnè e dalla Fondazione Di Vittorio. Ciò è determinato dalla permanenza di una grande area di povertà e da un’ancora più grande area di vulnerabilità economica e sociale. Nel complesso la forbice sociale si allarga, con la ricchezza che tende a concentrarsi nella popolazione ad alto reddito e aumentano le distanze territoriali tra nord (in particolare il nord-est) e il resto del Paese. Cala la fiducia economica e le attese per i successivi 12 mesi e peggiora l’indice che misura l’equità economica. A fronte del 5% che ritiene migliorata la condizione economica della propria famiglia rispetto a un anno fa, il 28% l’ha vista ulteriormente peggiorare. E quanto la forbice si stia allargando lo si rileva tra chi ha un reddito inferiore a 850 euro netti al mese, solo l’1% ha migliorato la propria condizione mentre il 49% l’ha peggiorata. Prende forma sempre più definita un sentimento di rassegnazione: il 75% pensa, infatti, che tra 12 mesi la propria situazione economica sarà uguale a oggi, e il 16% teme un peggioramento. Questa dinamica, è evidente nell’andamento dell’indice di sviluppo strutturale che cresce di 2 punti rispetto al 2015, passando da 100 a 102, mentre peggiora la qualità dello sviluppo individuale che scende a 98. Per quanto riguarda le attese sull’andamento dell’occupazione nei prossimi mesi, il 44% del campione prevede che non crescerà e il 38% prevede una diminuzione.

In sintesi: anche se l’Italia cresce rispetto agli anni precedenti (spinta anche dal contesto internazionale favorevole) e migliorano le dotazioni strutturali del Paese, aumentano le differenze tra chi è sul treno della ripresa e chi, invece, non è ancora salito, col risultato che nel complesso il ceto medio è più fragile, i poveri più poveri, il lavoro percepito più instabile e nel complesso è più difficile migliorare le proprie condizioni economiche, sociali e professionali. Un ulteriore elemento di disuguaglianza è rappresentato da sistemi di protezione sociale che si sono progressivamente deteriorati, proprio nelle aree a più forte disagio sociale: nel mezzogiorno la qualità dei servizi socio-assistenziali registrano un ulteriore flessione rispetto ai livelli già bassi del 2016 e del 2015. Nel complesso sono circa 12 milioni gli italiani che non hanno soldi per curarsi, con un’incidenza più elevata proprio nel mezzogiorno e nell’area della vulnerabilità. Chi è povero in Italia ha probabilità maggiori di restarlo, contrariamente a ciò che accade in altri Paesi avanzati dove la povertà ha caratteristiche più transitorie. E nemmeno il lavoro, che ne ha sempre costituito l’antidoto (si è creata un’importante area di disagio rappresentata da precari e part time involontari è in grado ormai di preservare dai rischi.

Nel complesso, la condizione di povertà riguarda circa il 10% dei lavoratori, colpendo anche fasce del ceto medio, come dirigenti e impiegati. I segnali di peggioramento si rilevano in tutte le ripartizioni geografiche ma in particolare nel mezzogiorno dove un lavoratore dipendente su quattro è povero o quasi povero. Ed ecco che, quindi, i working poors, definiti anche “poveri in giacca e cravatta”, rappresentano una delle più drammatiche conseguenze di questa fase economica. Una zona grigia di nuove povertà, forse la più rilevante, dal punto di vista economico e sociale, nel momento in cui rappresentano una condizione che ha radici, non nella mancanza del lavoro, ma in un lavoro che diventa competizione di costo e non è più in grado di garantire un reddito sufficiente. Ed ecco che la gerarchia sociale introduce un nuovo tipo di classe, i cosiddetti “penultimi”. Una grossa fetta di popolazione che ha perso speranza e coraggio, che ritiene di non poter puntare più verso l’alto della piramide sociale.

Nel complesso la fotografia che emerge dal “Rapporto 2017 sulla qualità dello sviluppo in Italia” è di un Paese spaccato in due, con grandi e profonde differenze tra nord e mezzogiorno, con un centro-Italia che sembra non riuscire a tenere il passo delle aree più avanzate. Cala la fiducia su una prospettiva economica migliore per l’Italia e per la propria famiglia e soprattutto fra chi ha un reddito fino a 850 euro netti al mese la situazione, nonostante la ripresa, peggiore anche rispetto all’anno precedente.

LA MAPPA DEGLI INDICATORI
APPENDICE METODOLOGICA

Sfoglia il rapporto completo

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia