Dal 2008 oltre 62mila negozi in meno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dal 2008 oltre 62mila negozi in meno

Cresce invece il numero di alberghi, bar e ristoranti. In aumento anche le attività condotte dagli stranieri
di Redazione

Quanto rilevato dall’Ufficio Confcommercio rappresenta un quadro esaustivo su come sono evolute le attività commerciali, turistiche e dei servizi dal 2008 ad oggi.
Cosa dice lo studio? Dice che negli ultimi dieci anni i negozi sono diminuiti di circa 63mila unità (-10,9%) mentre è aumentato il numero di alberghi, bar e ristoranti – in questo caso si sono registrate quasi 40mila attività in più (+13,1%) – così come è cresciuto anche il commercio on-line o porta a porta (+77,6%).

Lo studio osserva che sono scomparsi principalmente i negozi tradizionali, come quelli alimentari e dell’abbigliamento, mentre sono aumentati gli esercizi legati alla tecnologia (ICT) e le farmacie.
La crisi economica ha costretto molti commercianti ad abbassare le saracinesche mentre molti altri hanno tentato una via alternativa. Quella del commercio ambulante. L’Ufficio Confcommercio sottolinea che il commercio ambulante ha subìto un calo meno consistente rispetto ai negozi tradizionali: dal 2008 ad oggi le attività ambulanti sono diminuite del 4,9%, passando da 98.169 a 93.377 unità.
Lo studio evidenzia che la presenza delle attività commerciali nei centri storici delle città analizzate è sempre meno consistente. I motivi? La scelta di abbandonare i centri storici è determinata soprattutto dagli alti canoni di locazione che inducono i commercianti a spostarsi verso le periferie.
Una considerazione sulle imprese commerciali straniere presenti in Italia, infine. Confcommercio ha evidenziato che, tra il 2012 e il 2017, sono infatti aumentate del 26,2%. Alle attività commerciali italiane non è andata altrettanto bene, in realtà: nello stesso periodo, infatti, sono diminuite del 3,6%. Si tratta di un fenomeno che non riguarda solo le imprese commerciali, però: le imprese straniere registrate in Italia sono cresciute del 23% contro un calo del 2% di quelle italiane.
E sul fronte occupazionale? I dati rivelano, osserva Confcommercio, che complessivamente, tra il 2012 e il 2017, gli occupati italiani sono aumentati dello 0,6% mentre quelli stranieri sono cresciuti dell’15,2%.

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia