Prezzi al consumo, a gennaio inflazione in aumento dello 0,9% su base annua | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi al consumo, a gennaio inflazione in aumento dello 0,9% su base annua

“A gennaio 2018, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,3% su base mensile e dello 0,9% su base annua come a dicembre 2017 (la stima preliminare era +0,8)”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“La stabilità dell’inflazione – prosegue la nota – risente del rallentamento della crescita dei prezzi degli Alimentari non lavorati (+0,4%, da +2,4% di dicembre 2017), dei Beni energetici non regolamentati (+2,5% da +4,4%) e dei Servizi relativi ai trasporti (+1,3% da +2,8%), i cui effetti sono bilanciati dall’accelerazione dei prezzi degli Alimentari lavorati (+2,1% da +0,8%) e degli Energetici regolamentati (+6,4% da +3,7% del mese precedente).
A gennaio, sia l'”inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sia quella al netto dei soli Beni energetici si attestano a +0,6% (la prima in salita di due decimi di punto percentuale e la seconda stabile rispetto al mese precedente).
Su base annua la crescita dei prezzi dei beni è in lieve accelerazione (+1,3% da +1,1% di dicembre), mentre il tasso di crescita tendenziale dei servizi rimane stabile rispetto al mese precedente (+0,6%). L’inflazione acquisita per il 2018 è pari a +0,4% per l’indice generale e -0,1% per la componente di fondo. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dell’1,0% su base mensile e dell’1,2% su base annua (da +1,3% di dicembre 2017). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto salgono dello 0,7% in termini congiunturali e dell’1,3% in termini tendenziali (da +1,5% del mese precedente).
L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dell’1,5% su base mensile e cresce dell’1,2% (la stima preliminare era +1,1%) su base annua (da +1,0% di dicembre). La flessione congiunturale è in larga parte dovuta ai saldi invernali dell’abbigliamento e calzature, di cui l’indice NIC non tiene conto.
L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, aumenta – conclude l’ISTAT – dello 0,4% su base mensile e dello 0,9% rispetto a gennaio 2017″.

 

Scrivi una replica

News

Israele, Lieberman si è dimesso da ministro della Difesa

Avigdor Lieberman si è dimesso dalla carica di ministro della Difesa israeliano. Lo ha annunciato lui stesso, intervenendo nel corso di una conferenza stampa. Lieberman…

14 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emerging Talents, a Roma dal 7 dicembre al 6 gennaio il festival della Fotografia emergente

Dal 7 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 si terrà la quinta edizione di Emerging Talents presso il Mattatoio di Roma, ex Macro Testaccio. Emerging…

14 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Pil in calo dello 0,2% nel terzo trimestre

Rallenta l’economia tedesca, nel terzo trimestre. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio di statistica federale tedesco, attraverso la diffusione di un comunicato stampa. Da luglio a…

14 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, l’Eurostat conferma il rallentamento: nel III trimestre +0,2% per il Pil

La lettura definitiva dell’Eurostat ha confermato quanto previsto nella stima preliminare: nel terzo trimestre del 2018 il Pil dell’area euro ha registrato un rallentamento al…

14 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia