Working poors o disoccupati, chi è più a rischio povertà in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Working poors o disoccupati, chi è più a rischio povertà in Europa

Quasi la metà dei disoccupati di età compresa tra i 16 e i 64 anni nell'UE risulta essere, al 2016, a rischio povertà (dopo i trasferimenti sociali)
di Redazione

Negli ultimi tempi, soprattutto su queste pagine, si è tentato di mettere in risalto alcuni problemi legati al mercato del lavoro, in ripresa, ma ancora convalescente e non privo di “incidenti di percorso”, che riguardano principalmente la qualità del lavoro. Tradotto: dove il lavoro è instabile, allora sarà anche più povero: la situazione, in questo modo, ha favorito il fenomeno dei working poors, testimoniato dall’incremento delle persone a rischio povertà. Non a caso è aumentata anche l’incidenza di coloro che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa.

Se “i poveri che lavorano” rappresentano un segmento non indifferente, a maggior ragione non può stupire che chi passa ad uno stato di disoccupazione avrà più possibilità di diventare povero. Un problema che, beninteso, comprende l’Unione europea nel suo complesso. A spiegarlo è l’Eurostat secondo cui quasi la metà (48,7%) dei disoccupati di età compresa tra i 16 e i 64 anni nell’UE risulta essere – al 2016 – a rischio di povertà dopo i trasferimenti sociali (ovvero quegli strumenti che servono indirettamente alla riduzione di povertà, indennità di disoccupazione o altri veicoli per sostenere famiglie e individui). Insomma, il rischio di povertà è cinque volte superiore a quello degli occupati (9,6%), sentenzia l’Eurostat. Ciò sta a indicare, inoltre, le difficoltà relative al reinserimento sul mercato del lavoro, una condizione che riguarda in larga parte i lavoratori più adulti.
Negli ultimi dieci anni, sottolinea l’Eurostat, la percentuale di disoccupati a rischio povertà è aumentata in maniera costante, passando dal 41,5% nel 2006 al 48,7% nel 2016. Le persone a rischio di povertà sono quelle che vivono in una famiglia con un reddito disponibile equivalente al di sotto della soglia di rischio, che è fissata al 60% dell’equivalente reddito disponibile mediano nazionale (dopo i trasferimenti sociali).
Tra gli Stati membri dell’UE nel 2016, il tasso di disoccupati a rischio povertà – udite, udite – è più alto in Germania (70,8%), seguito a distanza dalla Lituania (60,5%). Oltre la metà dei disoccupati in Lettonia (55,8%), Bulgaria (54,9%), Estonia (54,8%), Repubblica ceca (52,3%), Romania (51,4%) e Svezia (50,3%) sono a rischio povertà. Al lato opposto, meno del 40% dei disoccupati è a rischio povertà a Cipro e in Finlandia (entrambi al 37,3%), in Francia (38,4%) e in Danimarca (38,6%).In Italia la quota si colloca non molto al di sotto della media europea.
Se valutiamo le differenze tra la percentuale di disoccupati e occupati a rischio povertà (sempre nel 2016), i valori più ampi si osservano proprio in Germania (il 70,8% per i disoccupati contro il 9,5% per gli occupati, il 61,3% di scarto), Lituania (51,8%), Repubblica ceca (48,5%) e Lettonia (47,3%). Le differenze si fanno sentire meno a Cipro (37,3% per i disoccupati contro 8,4% per gli occupati, un gap di 28,9 punti percentuali), Francia (30,5%) e Portogallo (30,8%).

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Rivista al ribasso la crescita prevista per il 2019: possibile recessione tecnica»

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto».…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banca Carige, la Commissione europea ha approvato il piano del governo per garantire i bond

Lo schema elaborato dal governo, per garantire i bond emessi da Banca Carige e per aiutarlo a raccogliere i fondi di cui necessita, è stato…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2019, rese note le materie per la prova multidisciplinare

Nella seconda prova scritta della maturità 2019, debutta la prova multidisciplinare: al liceo classico sono previsti, infatti, Latino e Greco; Matematica e Fisica allo Scientifico.…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Giusto riflettere sull’austerità»

Le recenti dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, sull’eccessiva austerità negli anni della crisi del debito nell’Eurozona «hanno stimolato alcune riflessioni che…

18 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia