I dazi di Trump. Cosa sono e quali effetti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

I dazi di Trump. Cosa sono e quali effetti?

Firmato il decreto che impone dazi doganali del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio importati dall’estero. Una misura volta a proteggere i lavoratori e il settore siderurgico statunitensi. Ma con quali conseguenze?
di Redazione

Come annunciato la scorsa settimana diventano “ufficiali” i dazi che l’amministrazione Trump farà applicare sulle importazioni di acciaio (al 25%) e alluminio (10%). Trump ha comunicato, tuttavia, che alcuni paesi godranno di una certa flessibilità. In particolare una deroga è prevista per Messico e Canada, i partner nordamericani con cui gli Stati Uniti stanno rinegoziando il Nafta. Possibili intese non sono da escludere, già nell’immediato futuro, con altri partner commerciali e paesi alleati. Il decreto, firmato giovedì 8 marzo, entrerà in vigore nell’arco di 15 giorni.

Si tratta ad ogni modo di una misura controversa: l’Unione europea si è detta contraria in tutte le salse, la Cina ha espresso preoccupazione (non tanto per le esportazioni di acciaio quanto per le possibili ripercussioni su settori strategici o eventuali spinte nella stessa direzione di altri paesi), alcuni esponenti del Partito repubblicano – lo speaker della Camera, Paul Ryan, su tutti – ritengono la scelta della Casa Bianca un errore. In verità c’è un precedente: quello del presidente George W. Bush nel 2002, quando volle applicare dazi per difendere anche in questo caso l’acciaio americano. Il presupposto, infatti, è la salvaguardia dei lavoratori statunitensi del settore siderurgico, ma anche un approccio diverso alla difesa e alla sicurezza (dito puntato sulla Germania e il contributo dell’1% al bilancio Nato a fronte del 4% degli Usa, motivo che spingerebbe Washington a tentare di rafforzare la propria industria commerciale).

Quali conseguenze? Al momento è presto fare previsioni in questo senso. È una mossa in una prospettiva protezionistica, ma non è irreversibile, anche se l’Unione europea non esclude misure analoghe in risposta a Washington. Intanto undici paesi della regione Asia-Pacifico, tra cui lo stesso Canada e il Giappone, hanno firmato un nuovo accordo di libero scambio per la riduzione delle tariffe doganali (il Partenariato transpacifico, Tpp). I dazi rappresentano un’imposta indiretta sui consumi, che si applica alla dogana e influisce sulla circolazione dei beni da uno stato all’altro. La conseguenza più immediata è che il prezzo di un determinato prodotto, venduto all’estero, salga allo scopo di “proteggere”, appunto, beni e servizi prodotti nello Stato d’importazione. Nel complesso viviamo in un contesto di libero mercato, attraverso gli accordi commerciali che hanno di fatto azzerato o ridotto tale pratica. L’UE è il caso più emblematico: all’interno dell’Unione le merci circolano liberamente, cioè senza l’applicazione di dazi tra gli Stati membri. Non a caso è proprio questo uno dei temi più discussi da Londra e Bruxelles nei negoziati per la Brexit: una volta uscito dall’Unione europea il Regno Unito dovrà accordarsi con gli Stati membri. Oppure restare nel mercato unico, ipotesi che però il governo di Theresa May sembra ormai rifiutare.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 62,33 dollari al barile e Brent a 52,24 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 62,33 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 52,24 dollari.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 292 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 292 punti.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Annegret Kramp-Karrenbauer è la nuova presidente della CDU

Annegret Kramp-Karrenbauer è la nuova presidente della CDU, l’Unione Cristiano-Democratica di Germania tedesca. Al primo turno nessuno dei tre candidati alla presidenza della CDU ha…

7 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Le mie dimissioni sono un’ipotesi che non esiste»

«Le dimissioni sono un’ipotesi che non esiste». Lo ha affermato il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, smentendo così ogni voce riguardo sue possibili dimissioni. Tria ha…

7 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia