Gli italiani e l’e-commerce: un ebook spiega le nuove abitudini di consumo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e l’e-commerce: un ebook spiega le nuove abitudini di consumo

Cosa, perché e come acquistano online i consumatori italiani? Lo studio realizzato da Idealo dà una risposta a queste domande
di Matteo Buttaroni

«Quali sono le principali esigenze e i desideri che spingono gli italiani ad acquistare online? Quali sono le motivazioni che spingono il consumatore a utilizzare la comparazione prezzi piuttosto che andare direttamente in negozio?», sono solo alcune delle domande alle quali Idealo prova a dare una risposta attraverso i dati contenuti nell’ebook L’e-commerce in Italia: Le nuove abitudini di acquisto online. Dall’analisi è emerso che quasi otto acquirenti digitali italiani su dieci (il 78%) effettua, in media, almeno un acquisto online al mese. Entrando nel dettaglio risulta infatti che il 35% del campione di riferimento fa shopping online una volta al mese, il 35% una volta ogni due settimane, il 13% una volta a settimana e il 9% più volte nell’arco della stessa settimana. Il 14%, invece, fa acquisti in rete una o due volte a trimestre, il 4% una volta ogni sei mesi e una quota uguale ancor meno frequentemente. L’e-commerce italiano appare quindi dominato da acquirenti piuttosto abituali. La motivazione più diffusa che spinge i consumatori ad acquistare su internet sono i prezzi, indicata dal 75% (il 63% lo scorso anno). I portali e-commerce sono spesso utilizzati anche per confrontare i prodotti (per il 41%) o per farsi un’idea più precisa del prodotto leggendo le recensioni di altri clienti (motivazione indicata dal 40%).

COSA ACQUISTANO GLI E-SHOPPER
Nel 2017 le categorie di prodotti più acquistate in rete dagli italiani sono quelle relative ai libri e ai media e ai computer ed elettronica, entrambi indicati dal 65% del campione. Particolare successo ha interessato anche moda e calzature (64%), articoli di sport (46%), casa e giardino (46%), cosmetica e profumi (40%). Bene anche auto e moto (con il 32%), mentre quote sempre più riscontri positivi interessano il cibo (20%) e prodotti per neonati e bambini (14%).

CHI È IL CONSUMATORE DIGITALE
Basandosi su un campione di mille acquirenti digitali italiani (rappresentativo unicamente della popolazione attiva sul web – gli italiani digitalizzati sono oltre 44 milioni, ovvero il 73% della popolazione secondo il report Digital in 2018 di We Are Social e Hootsuite – ed è stratificato in base alle variabili demografiche: età, genere, livello di istruzione e regione, si legge nella nota metodologica relativa all’indagine demografica), Idealo spiega, innanzitutto, che in Italia acquistano online più uomini che donne, il 61,3% contro il 38,7%. Un divario superiore a quello registrato negli altri Paesi considerati dall’indagine: in Austria il 56,2% degli e-shopper è di sesso maschile e il 43,8% femminile, nel Regno Unito le quote sono, rispettivamente, pari al 60,2% e al 39,8%, in Germania al 57,8% e al 42,1%, in Spagna al 53,8% e al 46,2% e in Francia al 54,3% e al 45,7%. Analizzando più fondo, lo studio ha rilevato che la fascia di età predominate tra i consumatori online è quella del 35-44enni con il 26,9%, seguiti dai 45-54enni con il 21,3%, dai 25-34enni con il 20,5% e da 55-64enni con il 12,7%. Quote inferiori per i 18-24enni (11,2%) e per gli over-65 (7,3%).

I DISPOSITIVI E LE MODALITÀ DI PAGAMENTO UTILIZZATI PER GLI ACQUISTI
Il dispositivo più utilizzato per effettuare acquisti online è senza dubbio ancora il computer (con il quale acquista abitualmente il 91% dei consumatori, mentre l’83% lo fa spesso), ma continuano ad aumentare anche gli acquirenti che utilizzano dispositivi mobili. In particolare il 29% dichiara di fare acquisti abitualmente mediante smartphone (il 10% spesso) e il 22% tramite tablet (il 6% spesso). Per la ricerca di informazioni sui prodotti è invece lo smartphone il dispositivo più utilizzato, con il 43,8% a fronte del 42,2% dei computer e il 10% dei tablet. Nel mobile il sistema operativo più utilizzato (anche perché, secondo i più recenti dati di Gartner, è il più diffuso) è Android, con una quota del 65,6%. Stessa cosa accade in Austria (63,1%), Germania (51,2%), Spagna (69,7%) e Francia (58%), ma non nel Regno Unito, dove la quota di acquisti tramite dispositivi Android (43,4%) è inferiore a quelli tramite iOS (54,8%). In Italia il sistema operativo di casa Apple è utilizzato dal 30,6% degli acquirenti (35,1% in Austria, 46,5% in Germania, 29,2% in Spagna e 38,5% in Francia), mentre una quota molto più ristretta, pari al 3,8% è riconducibile ad altri sistemi operativi (1,8% in Austria e nel Regno Unito, 2,3% in Germania, 1,1% in Spagna e 3,5% in Francia). Il metodo di pagamento più utilizzato è PayPal (54%), seguono Postepay (16%), MasterCard (13%), Visa (7%), CartaSi (2%). Il contrassegno è invece utilizzato nel 4% dei casi, il bonifico nel 2%.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia