Fmi: “Italia avanti su risanamento e Npl. Cresce Eurolandia” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fmi: “Italia avanti su risanamento e Npl. Cresce Eurolandia”

“Per l’Italia resta centrale affrontare il nodo dei non performing loan”. Lo ha reso noto il Fondo Monetario internazionale nel documento preparato in vista del G20 dei ministri finanziari e governatori delle banche centrali.”La ripresa economica in atto è anche un’occasione per spingere sulle misure previste di risanamento dei conti pubblici. La crescita è un’opportunità per portare avanti le previste misure si consolidamento soprattutto dove i livelli di debito sono elevati e la posizione di bilancio e’ debole (Argentina, Brasile, Italia e Russia)”, si legge nel documento.”L’area euro si appresta a entrare nel suo quinto anno consecutivo di espansione, con una crescita annuale media del 2,1% nel 2018-2019. In questo contesto le aspettative di crescita sono aumentate per diversi paesi di Eurolandia, soprattutto Germania e Italia, riflettendo una piu’ forte domanda interna ed esterna”.

 

Scrivi una replica

News

Multa da 7 milioni di euro inflitta a Sky dall’Antitrust

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha multato l’emittente televisiva SKY per 7 milioni di euro, in seguito all’accertamento di due violazioni del Codice…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Albania, si sono dimessi tutti i parlamentari del principale partito di opposizione

Il gruppo parlamentare del Partito democratico, principale formazione dell’opposizione albanese di centro destra guidata da Lulzim Basha, non farà più parte dell’Assemblea nazionale, il Parlamento…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brasile, crollo diga: salgono a 169 le vittime

Peggiora il bilancio di vittime del crollo della diga di rifiuti minerali a Brumadinho, nel Minas Gerais, lo scorso 25 gennaio. Secondo l’ultimo aggiornamento dei…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, scissione anti-Corbyn nel Labour

Sette deputati laburisti, favorevoli al referendum bis, hanno lasciato il partito. Ufficialmente la decisione è stata presa perché hanno accusato il leader Jeremy Corbyn di…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia