La povertà lavorativa nell’UE, in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

La povertà lavorativa nell’UE, in crescita

L'Eurostat stima un incremento dall'8,3% del 2010 al 9,6% del 2016. In Romania il valore più alto, mentre in Italia si attesta, sopra la media, all'11,7%
di Redazione

Avere un lavoro, dunque un reddito, eppure essere poveri. Succede frequentemente al netto di ritenere una fortuna avercelo, intanto, un lavoro. E succede sempre di più in Europa dove, informa Eurostat, negli ultimi anni la percentuale di lavoratori dipendenti a rischio di povertà è aumentata continuamente, dall’8,3% del 2010 al 9,6% del 2016.

Insomma, quasi un decimo degli occupati di età superiore ai 18 anni nell’Unione europea (UE) è – al 2016 – a rischio di povertà. Il rischio è strettamente collegato al tipo di contratto, perciò aumenta per chi lavora a tempo parziale (15,8%), ma riguarda anche chi lavora a tempo pieno (7,8%), ed è quasi tre volte maggiore per i dipendenti a termine (16,2%) rispetto a quelli con un lavoro a tempo indeterminato (5,8%). Gli uomini occupati (10%) sono leggermente più a rischio povertà rispetto alle donne occupate (9,1%). Da definizione il rischio di povertà lavorativa riguarda chi vive in un nucleo familiare il cui reddito disponibile è al di sotto della soglia del rischio povertà, soglia che si attesta al 60% del reddito medio nazionale disponibile, considerando i contributi sociali.

Tra gli Stati membri dell’UE nel 2016, il tasso più alto di persone a rischio si è registrato in Romania (18,9%), seguito dalla Grecia (14,1%), dalla Spagna (13,1%), dal Lussemburgo (12%), dall’Italia (11,7%), dalla Bulgaria (11,4%), dal Portogallo (10,9%) e dalla Polonia (10,8%). All’estremo opposto della scala, meno del 5% dei disoccupati era a rischio di povertà in Finlandia (3,1%), Repubblica Ceca (3,8%), Belgio (4,7%) e Irlanda (4,8%). Rispetto al 2010, la quota di occupati a rischio povertà è aumentata quasi ovunque. I maggiori incrementi sono stati osservati in Ungheria (dal 5,3% del 2010 al 9,6% del 2016), in Bulgaria (+3,7), Estonia (+3,1), Germania (+2,3), Italia e Spagna (+2,2) e Regno Unito (+1,8). Dove al contrario si è verificato un trend inverso è in Lituania (dal 12,6% del 2010 all’8,5% nel 2016), in Danimarca (-1,2), Lettonia (-1,1) e Svezia (-1).

In Italia il tema è stato affrontato ancora di recente dal Censis, nell’indagine Millennials, lavoro povero e pensioni. Essere precari, una realtà che interessa in larga parte i giovani, di certo non aiuta. E anche quando il lavoro c’è, in molti casi si evidenziano bassa intensità e bassa qualità. La ricerca del Censis individua 5,7 milioni di giovani che entro il 2050 potrebbero diventare poveri, in cui confluiscono tre milioni di Neet e 2,7 milioni di working poor, lavoratori intrappolati nei cosiddetti “lavori gabbia”, da cui è difficile uscire.

 

Scrivi una replica

News

Trattativa Stato-mafia: condannati gli ex vertici del Ros, assolto Nicola Mancino

Gli ex vertici del Ros, Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l’ex senatore Marcello Dell’Utri, Massimo Ciancimino e i boss mafiosi Bagarella e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Il capo dello Stato ha deciso di prendersi due giorni di riflessione»

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di prendersi due giorni di riflessione. Lo ha riferito la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, dopo…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Berlusconi: «Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle»

«Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle, un partito che non conosce l’ABC della democrazia, che prova invidia sociale, formato solo da disoccupati, e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Da consultazioni spunti di riflessione politica»

«Da consultazioni spunti di riflessione politica». Lo ha detto la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, intervenendo dal Quirinale. «Mattarella saprà individuare il percorso…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia