La povertà lavorativa nell’UE, in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

La povertà lavorativa nell’UE, in crescita

L'Eurostat stima un incremento dall'8,3% del 2010 al 9,6% del 2016. In Romania il valore più alto, mentre in Italia si attesta, sopra la media, all'11,7%
di Redazione

Avere un lavoro, dunque un reddito, eppure essere poveri. Succede frequentemente al netto di ritenere una fortuna avercelo, intanto, un lavoro. E succede sempre di più in Europa dove, informa Eurostat, negli ultimi anni la percentuale di lavoratori dipendenti a rischio di povertà è aumentata continuamente, dall’8,3% del 2010 al 9,6% del 2016.

Insomma, quasi un decimo degli occupati di età superiore ai 18 anni nell’Unione europea (UE) è – al 2016 – a rischio di povertà. Il rischio è strettamente collegato al tipo di contratto, perciò aumenta per chi lavora a tempo parziale (15,8%), ma riguarda anche chi lavora a tempo pieno (7,8%), ed è quasi tre volte maggiore per i dipendenti a termine (16,2%) rispetto a quelli con un lavoro a tempo indeterminato (5,8%). Gli uomini occupati (10%) sono leggermente più a rischio povertà rispetto alle donne occupate (9,1%). Da definizione il rischio di povertà lavorativa riguarda chi vive in un nucleo familiare il cui reddito disponibile è al di sotto della soglia del rischio povertà, soglia che si attesta al 60% del reddito medio nazionale disponibile, considerando i contributi sociali.

Tra gli Stati membri dell’UE nel 2016, il tasso più alto di persone a rischio si è registrato in Romania (18,9%), seguito dalla Grecia (14,1%), dalla Spagna (13,1%), dal Lussemburgo (12%), dall’Italia (11,7%), dalla Bulgaria (11,4%), dal Portogallo (10,9%) e dalla Polonia (10,8%). All’estremo opposto della scala, meno del 5% dei disoccupati era a rischio di povertà in Finlandia (3,1%), Repubblica Ceca (3,8%), Belgio (4,7%) e Irlanda (4,8%). Rispetto al 2010, la quota di occupati a rischio povertà è aumentata quasi ovunque. I maggiori incrementi sono stati osservati in Ungheria (dal 5,3% del 2010 al 9,6% del 2016), in Bulgaria (+3,7), Estonia (+3,1), Germania (+2,3), Italia e Spagna (+2,2) e Regno Unito (+1,8). Dove al contrario si è verificato un trend inverso è in Lituania (dal 12,6% del 2010 all’8,5% nel 2016), in Danimarca (-1,2), Lettonia (-1,1) e Svezia (-1).

In Italia il tema è stato affrontato ancora di recente dal Censis, nell’indagine Millennials, lavoro povero e pensioni. Essere precari, una realtà che interessa in larga parte i giovani, di certo non aiuta. E anche quando il lavoro c’è, in molti casi si evidenziano bassa intensità e bassa qualità. La ricerca del Censis individua 5,7 milioni di giovani che entro il 2050 potrebbero diventare poveri, in cui confluiscono tre milioni di Neet e 2,7 milioni di working poor, lavoratori intrappolati nei cosiddetti “lavori gabbia”, da cui è difficile uscire.

 

Scrivi una replica

News

Venezuela, una persona è stata uccisa dall’esercito venezuelano al confine con il Brasile

Un civile è stato ucciso e altri 12 sono stati feriti dall’esercito venezuelano al confine tra il Venezuela e il Brasile. Lo riferisce il Washington…

22 Feb 2019 / 1 Commento / Leggi tutto »

Tria: «Le regole dell’Ue non consento interventi anti-crisi»

«Le regole europee approvate in fretta quasi un decennio fa possono funzionare durante periodi di crescita ma non rispondono all’esigenza di far fronte al veloce…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Spero in un confronto sull’acqua»

«L’acqua pubblica è un bene comune per eccellenza, è scritto anche nel contratto di governo, e auspico, nel rispetto delle Camere, che l’esame possa procedere…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Pyongyang: «La figlia dell’ambasciatore voleva tornare. Nessun caso politico»

«L’ex ambasciatore nordcoreano Jo Song Gil non aveva alcun motivo politico per disertare. E sua figlia odiava i genitori perché la lasciavano a casa da…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia