Istat: export extra-Ue giù del 2,5% tra gennaio e febbraio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: export extra-Ue giù del 2,5% tra gennaio e febbraio

A febbraio 2018, rispetto al mese precedente, le esportazioni sono in flessione (-2,5%) mentre le importazioni sono in aumento (+1,1%). È quanto spiega l’Istituto nazionale di statistica nell’ultimo resoconto sul commercio estero extra-Ue. La flessione congiunturale delle vendite verso i paesi extra Ue, si legge nella nota, coinvolge quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie. Particolarmente intensa per l’energia (-12,7%), i beni di consumo non durevoli (-6,6%) e i beni di consumo durevoli (-6,2%). Dal lato dell’import, l’incremento congiunturale registrato a febbraio è particolarmente ampio per l’energia (+10,8%), a eccezione dei beni di consumo non durevoli (-4,0%), beni di consumo durevoli (-3,4%) e beni intermedi (-2,3%). Tuttavia, al netto della componente energetica, si rileva un decremento congiunturale degli acquisti (-2,3%).
Su base trimestrale, la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta negativa (-2,1%) e determinata dai beni strumentali (-9,3%) e dall’energia (-6,8%). Contrastano la tendenza decrescente i beni di consumo non durevoli (+3,7%), i beni di consumo durevoli (+3,2%) e i beni intermedi (+2,8%); nello stesso periodo le importazioni registrano un aumento (+2,2%), particolarmente ampio per l’energia (+10,4%).
A febbraio 2018, le esportazioni sono in lieve aumento su base annua (+0,1%). La crescita è marcata per i beni intermedi (+5,0%).
Le importazioni su base annua sono in flessione (-2,0%) coinvolgendo quasi tutti i comparti a eccezione dell’energia (+5,4%) e dei beni intermedi (+2,8%).
Il surplus commerciale (+1.986 milioni) è in aumento rispetto a quello dello stesso mese del 2017 (+1.716 milioni). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici (+4.974 milioni) è in forte crescita rispetto a febbraio 2017 (+4.487 milioni).
Nel mese di febbraio 2018 l’andamento delle esportazioni è il risultato di dinamiche divergenti rispetto ai principali mercati di sbocco. Svizzera (+11,7%), paesi MERCOSUR (+8,9%), Turchia (+3,9%) e Russia (+3,1%) forniscono un impulso positivo alla crescita delle vendite sui mercati esteri. Al contrario, Cina (-9,7%), paesi OPEC (-9,2%), e Giappone (-8,7%), registrano una marcata flessione.
Per le importazioni di beni, si rileva una dinamica tendenziale decrescente. In particolare gli acquisti di beni da paesi ASEAN (-24,9%), India (-15,3%), Svizzera (-10,6%) e Giappone (-5,9%) presentano una flessione sostenuta.

 

Scrivi una replica

News

Corte Ue: «La Gran Bretagna può revocare la Brexit da sola»

«Il Regno Unito è libero di revocare in modo unilaterale la Brexit». Lo ha stabilito la sentenza della Corte di giustizia dell’Ue.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Nick Ayers non prenderà il posto di Kelly

Nick Ayers, non prenderà il posto di John Kelly come capo dello staff della Casa Bianca. A renderlo noto è stato lo stesso Ayers, che…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in calo dello 0,6% nel terzo trimestre

Stando ai dati resi noti dal governo nipponico, il Pil del Giappone è calato dello 0,6% nel terzo trimestre 2018. Le stime avevano previsto un…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 62,33 dollari al barile e Brent a 52,24 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 62,33 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 52,24 dollari.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia