Istat: export extra-Ue giù del 2,5% tra gennaio e febbraio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: export extra-Ue giù del 2,5% tra gennaio e febbraio

A febbraio 2018, rispetto al mese precedente, le esportazioni sono in flessione (-2,5%) mentre le importazioni sono in aumento (+1,1%). È quanto spiega l’Istituto nazionale di statistica nell’ultimo resoconto sul commercio estero extra-Ue. La flessione congiunturale delle vendite verso i paesi extra Ue, si legge nella nota, coinvolge quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie. Particolarmente intensa per l’energia (-12,7%), i beni di consumo non durevoli (-6,6%) e i beni di consumo durevoli (-6,2%). Dal lato dell’import, l’incremento congiunturale registrato a febbraio è particolarmente ampio per l’energia (+10,8%), a eccezione dei beni di consumo non durevoli (-4,0%), beni di consumo durevoli (-3,4%) e beni intermedi (-2,3%). Tuttavia, al netto della componente energetica, si rileva un decremento congiunturale degli acquisti (-2,3%).
Su base trimestrale, la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta negativa (-2,1%) e determinata dai beni strumentali (-9,3%) e dall’energia (-6,8%). Contrastano la tendenza decrescente i beni di consumo non durevoli (+3,7%), i beni di consumo durevoli (+3,2%) e i beni intermedi (+2,8%); nello stesso periodo le importazioni registrano un aumento (+2,2%), particolarmente ampio per l’energia (+10,4%).
A febbraio 2018, le esportazioni sono in lieve aumento su base annua (+0,1%). La crescita è marcata per i beni intermedi (+5,0%).
Le importazioni su base annua sono in flessione (-2,0%) coinvolgendo quasi tutti i comparti a eccezione dell’energia (+5,4%) e dei beni intermedi (+2,8%).
Il surplus commerciale (+1.986 milioni) è in aumento rispetto a quello dello stesso mese del 2017 (+1.716 milioni). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici (+4.974 milioni) è in forte crescita rispetto a febbraio 2017 (+4.487 milioni).
Nel mese di febbraio 2018 l’andamento delle esportazioni è il risultato di dinamiche divergenti rispetto ai principali mercati di sbocco. Svizzera (+11,7%), paesi MERCOSUR (+8,9%), Turchia (+3,9%) e Russia (+3,1%) forniscono un impulso positivo alla crescita delle vendite sui mercati esteri. Al contrario, Cina (-9,7%), paesi OPEC (-9,2%), e Giappone (-8,7%), registrano una marcata flessione.
Per le importazioni di beni, si rileva una dinamica tendenziale decrescente. In particolare gli acquisti di beni da paesi ASEAN (-24,9%), India (-15,3%), Svizzera (-10,6%) e Giappone (-5,9%) presentano una flessione sostenuta.

 

Scrivi una replica

News

Tav, Conte: «Domani incontro bilaterale con Macron»

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà domani, venerdì 22 marzo, il presidente francese, Emmanuel Macron. Lo ha annunciato il premier, replicando ad una domanda…

21 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «I rischi al ribasso per l’attività internazionale si sono accumulati»

«I rischi al ribasso per l’attività internazionale si sono gradualmente accumulati». Lo scrive la Banca centrale europea nell’ultimo Bollettino economico, diffuso oggi, giovedì 21 marzo…

21 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Enria: «Sentenza su Tercas apre nuove strade nella gestione delle crisi bancarie»

«È uno sviluppo importante, ne abbiamo per ora discusso brevemente al board di ieri, è chiaro che apre nuove strade nella gestione delle crisi bancarie».…

21 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da Commissione Ue multa a Google da 1,49 miliardi di euro

La Commissione europea ha inflitto a Google una multa da 1,49 miliardi di euro. Il colosso statunitense è stato punito per abuso di posizione dominante…

21 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia