L’Eurozona cresce, ma per il FMI bisogna pensare al futuro | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Eurozona cresce, ma per il FMI bisogna pensare al futuro

La fase espansiva prosegue, è vero, ma l'Eurozona deve attuare strategie per non farsi trovare impreparata in caso di nuove difficoltà economiche. Per questo stamattina è stato annunciato un fondo per la stabilità macroeconomica
di Redazione

L’Eurozona continua a crescere, mantenendo un profilo espansivo in linea con la crescita dell’economia mondiale e del commercio internazionale. Lo ha confermato questa mattina l’Eurozone economic outlook diffuso dall’Istat, dal quale emerge che sia nel primo trimestre del 2018 che nel secondo il Pil dell’area dovrebbe essere aumentato dello 0,6%, mentre potrebbe rallentare al +0,5% nel corso del terzo trimestre.

A livello tendenziale, per il primo trimestre le previsioni indicano un +2,6%, un +2,5% per il secondo ed un +2,3% per il terzo, con una crescita acquisita per l’intero anno pari al +2,3%. Segnali incoraggianti giungono dagli investimenti (+1% nei primi tre mesi dell’anno), che però potrebbero rallentare nei prossimi due trimestri al +0,9% e al +0,7% congiunturale. Andamento simile dovrebbe interessare i consumi, anche se le variazioni previste risultano più esigue: +0,5% nel primo trimestre e nel secondo e +0,4% nel terzo. Leggermente meglio le stime per l’inflazione. L’indice, nonostante il dato acquisito fin qui per il 2018 (+1,4%) sia ancora lontano dal target del 2%, dovrebbe accelerare nel corso dell’anno, segnando un +1,3% in T1, un +1,6% in T2 e un +1,7% in T3.
Qualche rallentamento a parte, l’Eurozona sembra comunque viaggiare nella giusta direzione e proprio per questo, per non trovarsi a fronteggiare, impreparati, una nuova crisi economica l’Eurozona deve adottare qualche strategia preventiva. È in questo senso che va il fondo per la stabilità macroeconomica – il central fiscal capacity (CFC) – annunciato questa mattina a Berlino dalla direttrice del Fondo Monetario internazionale, Christine Lagarde. “L’Europa – ha spiegato Lagarde – deve far di più per essere più resiliente alla prossima crisi, perché prima o poi un rallentamento economico arriverà. L’Europa non può essere solo un’unione economica per i tempi di acque calme. L’area della moneta unica ha la necessità di completare l’architettura con le parti che mancano per prepararsi per la prossima crisi”. Ed è proprio per questo che il fondo preventivo annunciato prevede l’accantonamento di un “tesoretto” alimentato annualmente attraverso lo 0,35% del Pil di ogni Paese membro. Si tratta, in sostanza, di un paracadute che si attiverebbe automaticamente in caso di crisi (per far scattare gli aiuti si monitorerà il tasso di disoccupazione e non il Pil) “iniettando” mezzo punto percentuale di Pil nell’economia in difficoltà.

 

Scrivi una replica

News

Multa da 7 milioni di euro inflitta a Sky dall’Antitrust

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha multato l’emittente televisiva SKY per 7 milioni di euro, in seguito all’accertamento di due violazioni del Codice…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Albania, si sono dimessi tutti i parlamentari del principale partito di opposizione

Il gruppo parlamentare del Partito democratico, principale formazione dell’opposizione albanese di centro destra guidata da Lulzim Basha, non farà più parte dell’Assemblea nazionale, il Parlamento…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brasile, crollo diga: salgono a 169 le vittime

Peggiora il bilancio di vittime del crollo della diga di rifiuti minerali a Brumadinho, nel Minas Gerais, lo scorso 25 gennaio. Secondo l’ultimo aggiornamento dei…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, scissione anti-Corbyn nel Labour

Sette deputati laburisti, favorevoli al referendum bis, hanno lasciato il partito. Ufficialmente la decisione è stata presa perché hanno accusato il leader Jeremy Corbyn di…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia