All’estero per lavorare? Solo se l’impiego è sicuro | T-Mag | il magazine di Tecnè

All’estero per lavorare? Solo se l’impiego è sicuro

Secondo Eurostat il 60% dei giovani disoccupati italiani non è disposto a muoversi per trovare un lavoro. Ma un'indagine InfoJobs mette in luce come la maggior parte degli intervistati sia disposta a lasciare l'Italia in presenza di garanzie e stabilità
di Redazione

Una porzione consistente dei giovani disoccupati italiani è alla ricerca di un impiego ma non è disposto a lasciare la propria città per trovarne uno. Secondo un’analisi dell’Eurostat – la ricerca, basata sui dati del 2016, considera i giovani tra i 20 e i 34 anni –, il 60% dei giovani disoccupati italiani non è disposto a muoversi per trovare un lavoro.

Il dato – leggermente superiore alla media europea che si attesta al 50%, con picchi a Malta (73%), Paesi Bassi (69%) e Cipro (68%) – non dovrebbe comunque sorprendere: lasciare la propria casa per motivi lavorativi può essere una strada difficilmente percorribile per molti giovani. Ciò non significa soltanto confrontarsi con una realtà diversa da quella in cui si è cresciuti, ma anche affrontare delle spese notevoli. Si consideri, ad esempio, l’affitto.
Tra quanti italiani si dichiarano disponibili a muoversi per trovare un lavoro: il 20% lo farebbe soltanto se la destinazione finale fosse in Italia, il 7% in un altro Paese europeo e il 13% al di fuori dell’Unione europea.
L’Eurostat osserva che il 98% degli italiani d’età compresa tra i 20 e i 34 anni che già lavorano – la quota più grande registrata tra i Paesi dell’Unione dove la media è del 60% – hanno trovato la loro attuale occupazione senza bisogno di cambiare residenza mentre soltanto l’1% ci è riuscito trasferendosi in un’altra città italiana.

Qualche mese fa un’indagine condotta da InfoJobs – l’analisi considerava un campione di oltre 4.000 utenti – aveva cercato di approfondire il tema. Secondo la ricerca, il 79,5% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a lasciare l’Italia soltanto con un impiego sicuro nel Paese di destinazione, a differenza di quanto farebbe il 20,5% disposto a partire anche senza un’occupazione già garantita. Perché andare via dall’Italia? Secondo InfoJobs, il 45,5% lo ha fatto perché all’estero gli veniva riconosciuta una remunerazione più adeguata. Una volta trasferitisi nel Paese di destinazione, però, i giovani italiani hanno incontrato qualche scoglio: il 29,1% ha ammesso di aver avuto difficoltà a raggiungere un buon tenore di vita mentre il 20,4% di avere un orario di lavoro che permettesse di conciliare tempi lavorativi e personali.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, l’Ue sta preparando le contromisure per gli eventuali dazi Usa sulle auto europee

L’Ue sta stilando una lista di contromisure per gli eventuali dazi imposti dagli Stati Uniti sulle importazioni delle auto europee. Lo ha annunciato il commissario…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «L’incontro con Trump è stato tutto sommato è stato un successo»

«Tutto sommato un successo». Lo ha detto il presidente della Russia, Vladimir Putin, commentando l’incontro a Helsinki con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump,…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «I Paesi dell’Ue non sono ancora abbastanza pronti ad affrontarla»

I 27 Paesi dell’Unione europea «non sono ancora abbastanza pronti» ad affrontare tutti gli scenari possibili in cui si andrà a concretizzare la Brexit. Lo…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Approvata legge che definisce Israele «Stato-nazione del popolo ebraico»

La Knesset – il Parlamento israeliano – ha approvato la scorsa notte una legge che definisce Israele come «Stato-nazione del popolo ebraico». I voti a…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia